Tratto dallo speciale:

ICT, risparmiare con i desktop virtuali

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Le tecnologie di virtualizzazione dei desktop hanno raggiunto ormai la giusta maturità. Benefici sia in termini di costi di gestione che di risparmio energetico e di efficienza aziendale

Dopo un periodo di diffidenza iniziale i meccanismi di virtualizzazione desktop entrano in azienda e convincono sempre di più per i benefici legati alla loro applicazione, mai come in questo momento di crisi e di corsa alla ottimizzazione delle risorse.

I manager IT, confermano gli analisti, stanno toccando con mano i risparmi sui costi di gestione e sulle implicazioni “green”, apprezzando il virtual desktop per la rapidità con la quale tali benefici possono essere osservati in azienda.

Insieme alla virtualizzazione dei sistemi server, quindi, i responsabili IT possono riuscire a ridurre in modo significativo il budget dedicato all’hardware, trasferendolo in altre attività più vicine al core business.

Il risparmio si osserva anche in relazione alla gestione delle postazioni di lavoro e alla migliore centralizzazione. Tra l’altro, l’adozione di destkop remoti permette un migliore piano di acquisto delle componenti hardware in funzione del reale utilizzo e necessità di risorse.

Di fatto, sesso nelle aziende, a partire da quelle di medie dimensioni, si dispone di una grande quantità di computer sottoutilizzati che necessitano comunque di continue manutenzioni e aggiornamenti.

Infine, tra i benefici della virtualizzazione desktop, non ultimo il taglio sui costi per le licenze software di sistemi operativi e applicazioni che, nonostante la necessità di reperire anche un software di virtualizzazione, rimarrebbero più alti in un’architettura di postazioni di lavoro e server tradizionali.