Il futuro delle reti aziendali è wireless

di Noemi Ricci

scritto il

Cresce l'adozione di reti wireless in azienda: presto, queste soluzioni potrebbero sostituire del tutto l'alternativa cablata per l'88% delle imprese europee coinvolte nella ricerca Motorola Enterprise Mobility Business

La tecnologia wireless si è diffusa rapidamente anche in azienda e probabilmente presto si integrerà per intero alla tradizionale infrastruttura cablata. O addirittura la sostituirà?

Questa sembra essere il trend emergente: lo conferma l’88% delle imprese che hanno partecipato all’indagine condotta in Europa da Motorola Enterprise Mobility Business.

Le aziende mostrano di preferire le infrastrutture di rete wireless, in cui investono di più rispetto all’alternativa via cavo. Il 76% delle imprese possiede già un’infrastruttura senza filo e circa il 25% risulta essere principalmente o totalmente wireless. Più evoluti gli spagnoli, dove quest’ultima percentuale sale al 42%.

Tra le motivazioni di questa scelta, il 57% indica esigenze di carattere strategico strettamente legate alla mobilità, i rimanenti al bisogno di aggiornare la già esistente WLAN.

Una tendenza che, secondo Marco Landi, Acting VP e GM, Motorola Enterprise Mobility Business, si spiega con la continua ricerca da parte delle aziende, soprattutto a fronte dell’attuale riduzione dei budget, di soluzioni che incrementino l’efficienza e diano un’accelerazione significativa al business, trovando una risposta nella mobilità e nelle reti wireless.

Tra le principali remore legate al passaggio alle reti senza fili vi sono le questioni legate alle performance (41%) e alla sicurezza della rete.
Nonostante queste soluzioni, se opportunamente configurate, consentano di mantenere alti i livelli di sicurezza al pari di quelli di una rete cablata, il 63% degli intervistati ha ancora dubbi al riguardo.

Percentuali, queste, che mostrano come vi sia ancora bisogno di una maggiore informazione suquesti temi.

Il 69% delle aziende dichiara l’intenzione di abbandonare le reti cablate entro il 2010 una volta risolti questi dubbi.