Tratto dallo speciale:

Lavoro smart con i servizi digitali Microsoft

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Nel pubblico come nel privato, le imprese italiane proseguono nel loro percorso di digitalizzazione in partnership con Microsoft.

La trasformazione digitale delle aziende pubbliche e private passa anche attraverso la tecnologia Microsoft, che al Forum PA ha annunciato la rivoluzione in atto della Corte dei Conti, una delle amministrazioni più all’avanguardia nei processi di innovazione. Come ci ha spiegato Simonetta Moreschini, direttore della divisione Pubblica Amministrazione di Microsoft Italia:

Simonetta Moreschini_Microsoft 2
Simonetta Moreschini,
direttore divisione Pubblica Amministrazione, Microsoft Italia
“dopo un percorso iniziato 18 mesi fa la Corte sta implementando un progetto che porterà sul cloud il 70% delle risorse IT, con l’obiettivo di avere un data center efficiente che possa portare risparmi di tempo e risorse, nel breve e nel lungo periodo, quantificabili in decina di migliaia di euro ogni anno”.

Senza contare i minori costi per le trasferte dei dipendenti e i vantaggi dello smart working, metodologia flessibile di lavoro incentivata dal Governo con normative su misura.

=> Speciale Smart Working

Il progetto si basa su strategia “Mobile First, Cloud First” e crescita progressiva e flessibile del tipo, numero e qualità dei servizi offerti, grazie a Cloud ibrido e strumenti Mobile, per ogni esigenza di business. I dipendenti possono così condividere documenti in maniera sicura senza ricorrere alle email e gestire rapidi meeting via “Skype for business”. Il tutto, con l’obiettivo di liberare risorse senza diminuire i servizi.

Al Salone, Microsoft ha anche portato Call4Solutions, spazio inedito per generare idee e progetti d’innovazione concreta per il settore pubblico.

“Abbiamo visto una grande voglia di scambiare esperienze e migliorare i processi: aziende e PA, infatti, hanno capito che senza la digitalizzazione il Paese non potrà crescere e cogliere le opportunità dell’innovazione e della tecnologia, soprattutto per le imprese”.

Microsoft ha annunciato anche una stretta collaborazione con il Comune di Firenze, per dare una svolta tecnologica ai servizi erogati ai cittadini. Gli oltre 4mila dipendenti del comune avranno a disposizione gli strumenti per migliorare la produttività: tutto sarà basato su piattaforma cloud Office 365, per una stretta condivisione di informazioni e la collaborazione a diversi progetti, permettendo un accesso, anche in mobilità, a posta elettronica e applicativi Office.

“Il processo di cambiamento è stato avviato nel 2014” ha spiegato Luca Bertelli, responsabile PO Data Center del Comune, “quando è emersa l’esigenza di semplificare I modelli di lavoro interno e agevolare una maggiore flessibilità delle operazioni”.

Office 365 è un semplice servizio cloud ma anche uno strumento concreto per ridurre le spese – legate di trasferta e riunioni – fruendo di funzionalità aggiuntive.

“Efficientare i servizi al cittadino e ottimizzare la gestione della crescente mole di dati rappresentano due grandi priorità. E’ qui che la tecnologia può giocare un ruolo strategico per fare un salto di qualità. In questa direzione, il Comune ha fatto una scelta che, oltre a essere in linea con le attese in termini di razionalizzazione di costi, servizi e processi, consentirà di adottare un nuovo modello di lavoro orientato alla responsabilizzazione delle persone, alla collaborazione anche da remoto e alla condivisione puntuale delle informazioni”,

ha aggiunto Simonetta Moreschini, che ha ricordato come il ruolo attivo di Microsoft in questo progetto si collochi nel più vasto quadro del Microsoft CityNext, iniziativa volta a promuovere la diffusione delle Smart City sul territorio italiano.