Forum PA: comunicazione Web per Google

di Marianna Di Iorio

scritto il

Ai microfoni di ICTv al Forum PA 2008 incontriamo Andrea Salvati, Industry Leader Finance & Business Industrial Market di Google, che ci parla di comunicazione pubblica

Ai microfoni di ICTv, Andrea Salvati, Industry Leader Finance & Business Industrial Market di Google, ha fatto il punto della situazione sulla comunicazione digitale tra cittadino e Pubblica Amministrazione.

Di seguito riportiamo il testo dell’intervista:

In che modo Google aiuta la Pubblica Amministrazione nei rapporti con il cittadino?

«Ci stiamo già attivando con diverse amministrazioni locali e centrali della nostra Pubblica Amministrazione e fondamentalmente direi che il motivo per cui siamo qui è agevolare il contatto che avviene online sulle piattaforme digitali tra il cittadino e la Pubblica Amministrazione. In buona sostanza è molto semplice: abbiamo l’opportunità che viene offerta alla Pubblica Amministrazione di promuovere i loro servizi e le loro iniziative attraverso la piattaforma di ricerca del motore Google dove i cittadini già stanno cercando le informazioni. Quindi è un po’ come mettersi in ascolto rispetto alle attività che già i cittadini autonomamente fanno. Semplicemente cerchiamo di fare incrociare domanda e offerta in questa piattaforma digitale che offre la possibilità di effettuare tanti incroci».

Secondo lei, sono ancora molti gli aspetti che la PA deve migliorare nel rapporto con i cittadini?

«È difficile perchè non è che si fa tutto in un giorno. L’aspetto più importante, su cui abbiamo insistito molto oggi, è vincere questo impasse e stimolare la Pubblica Amministrazione a mettere online i propri contenuti, ossia a renderli digitali e quindi fruibili facilmente da parte degli utenti finali e quindi dei cittadini. È chiaro che se partiamo da questo presupposto e i contenuti e i servizi sono disponibili, a quel punto è un lavoro di ottimizzazione di questo incrocio. Sicuramente possiamo essere di aiuto alla Pubblica Amministrazione per incrociare meglio e in maniera più efficiente le ricerche che già oggi i cittadini stanno facendo».