PA, minori e media: un prontuario della prefettura di Treviso

di Marina Mancini

scritto il

Cittadini, Minori, Informazione e nuovi mezzi di informazione, questi i temi raccolti in un Cd-Rom realizzato dalla Prefettura di Treviso

I giovani e la comunicazione ed in particolare il corretto utilizzo dei mezzi di comunicazion da parte dei minori è l’oggetto di un documento messo a punto dalla
prefettura di Treviso
.

Presentato nel corso di un tavolo tecnico sul rapporto tra "Giovani e Comunicazione" presso la prefettura di Treviso, il documento che si presenta come un prontuario è costituito da due parti.

Nella prima parte si affrontano i principi etici di riferimento che tutte le
PA e gli operatori dell’informazione dovrebbero osservare quando i minori diventano protagonisti di fatti di cronaca, direttamente ed indirettamente.

Decisamente più prontuario la seconda parte del documento che affronta la delicata materia dell’uso corretto e sicuro dei Media, da quelli tradizionali (carta stampata, televisione) a quelli più moderni (cellulari ed Internet).

Il testo evidenzia sia le innumerevoli opportunità offerte dai media ed in particolare dal Web con la sua possibilità di comunicare con chiunque in qualsiasi parte del mondo ma allo stesso tempo, anche l’altra faccia della medaglia, il rischio di adescamento pedopornografico che può avvenire via Web, mail e chat.

Alla presentazione del prontuario che oltre ad avere una versione cartacea è realizzato anche in Cd-Rom, hanno partecipato i rappresentanti della
provincia di Treviso, delle ASL 8 e 9, dell’ufficio scolastico provinciale,
dell’Istituto Penale per i Minorenni, del comparto Veneto della Polizia postale
e delle comunicazioni oltre ad una discreta rappresentanza del mondo
dell’informazione.

L’iniziativa della Prefettura di Treviso rientra tra le altre attività legate ai temi della sicurezza sociale, pubblica e civile.

Tra queste anche la realizzazione di un "breviario" che conterrà le regole fondamentali che le Pubbliche Amministrazioni devono
seguire al fine di comunicare con il cittadino (per iscritto, oralmente, o con
le moderne tecnologie) in maniera efficace, trasparente ed in maniera chiara.

Il testo che verrà redatto da un apposito sottogruppo di lavoro, sarà diffuso tra le Pubbliche Amministrazioni della provincia di Treviso quale parametro di riferimento per una corretta impostazione della comunicazione con il cittadino.