Montecatini invia tramite posta elettronica certificata

di Marina Mancini

scritto il

Il Comune di Montecatini Terme compie un passo in avanti verso la digitalizzazione ed invia i documenti in Prefettura usando la PEC

L’amministrazione comunale di Montecatini Terme (PT) dal primo novembre 2008 invia tutta la corrispondenza verso la Prefettura esclusivamente mediante posta elettronica certificata.

A dichiararlo l’assessore all’informatizzazione
della città delle Terme, Alessandro Sartoni, che aggiunge che anche le convocazioni del consiglio comunale e dei relativi ordini del giorno verranno trasmesse con la stessa modalità.

Il comune di Montecatini vuole così implementare lo snellimento del transito di informazioni tra enti. Tra gli atti che verranno inviati con la PEC anche le delibere di nomina e surroga dei consiglieri comunali.

Già tutta la dirigenza comunale ed i funzionari, oltre che gli amministratori, sono stati dotati di firma elettronica digitale e l’amministrazione comunale ha anche regolamentato, attraverso un apposito atto, l’utilizzo degli strumenti informatici comunali.

Oltre al regolamento anche una direttiva mira a diffondere l’uso capillare
della posta elettronica che soppianterà la comunicazione cartacea interna.

La diminuzione dell’uso del cartaceo produrrà anche un risparmio economico costituito dalla diminuzione dell’uso della carta oltre che una maggiore efficacia dovuta ai tempi più celeri dell’uso della posta. Via mail verranno richieste e concesse anche le ferie ed i permessi dei dipendenti.

Tra le altre operazioni di razionalizzazione ed efficienza della macchina
amministrativa potranno essere attivate via email la richiesta o la comunicazione di designazione in comitati, commissioni, gruppi di lavoro o altri organismi, sarà possibile convocare riunioni, inviare direttive e comunicazioni di servizio o notizie dirette ad ogni singolo dipendente.

L’assessore Sartoni che ha puntato sull’informatizzazione attraverso un’operazione di risparmio di spesa, annuncia nuove operazioni per l’ampliamento della governance e la partecipazione dei cittadini attraverso la consultazione online di atti e procedimenti sino agli stati di avanzamento delle pratiche.