Graduatorie GPS supplenze Scuola: le regole di aggiornamento 2022/2023

di Redazione PMI.it

scritto il

Guida alle regole per l'aggiornamento delle GPS - Graduatorie Provinciali per le Supplenze a Scuola: come funziona per il 2022/2023 e cosa cambia dopo.

Nel 2022 le GPS (Graduatorie provinciali e di istituto) per le supplenze a Scuola saranno aggiornate entro la primavera (tra aprile e maggio) con le stesse regole finora adottate (OM 60/2020) negli anni scolastici 2020/21 e 2022/23 mentre, per il successivo aggiornamento, si dovrebbe adottare il nuovo Regolamento in preparazione, per il quale è già pronta da tempo la bozza di decreto ministeriale.

Aggiornamento GPS 2022/23 con le vecchie regole

Questa novità è emersa a margine dell’approvazione dell’emendamento al DL Sostegni-ter dei giorni scorsi: in questo modo, si procede subito con la riapertura a nuove iscrizioni e all’aggiornamento di titoli e servizi per i docenti ma si concede questa opportunità anche a chi era già inserito dal 2020.

Con la nuova ordinanza ministeriale prevista per il 2022 dall’emendamento approvato al DL Sostegni-ter, pertanto, si dovrà  consentire ai docenti di inserire tra i titoli di servizio anche l’annualità di servizio 2021/22 e l’aggiornamento si dovrà concludere in tempo per avere pronto gli elenchi al momento dell’attribuzione delle supplenze con presa di servizio dal 1° settembre 2022.

Le GPS Scuola 2022/2023

Le Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) – liste provinciali di docenti con  accesso alle classi di concorso, aperta nel 2020 per assegnare le cattedre vacanti nell’anno scolastico una volta terminato il personale con contratto a tempo indeterminato o di ruolo – hanno modificato le regole per le Graduatorie di Istituto (GI), che ora si limitano ad essere un elenco di aspiranti per supplenze brevi presso un massimo 20 istituti.

Cosa cambia con il nuovo Regolamento GPS

Le Graduatorie GPS hanno durata biennale e permettono sia un nuovo inserimento sia l’aggiornamento del punteggio per chi è già inserito. Per il biennio 2022/2023 e per il successivo biennio 2023/2024, l’aggiornamento è biennale, con allineamento graduatorie GPS e GAE (Graduatorie A Esaurimento).

Il nuovo Regolamento MIUR per le GPS da quest’estate dovrebbe diventare permanente ed utilizzare la procedura informatizzata per l’assegnazione delle supplenze al 31 agosto e 30 giugno da GaE e GPS per il personale docente ed educativo.

Il nuovo Regolamento dovrebbe abolire la seconda fascia delle GPS infanzia e primaria in cui sono inseriti i laureandi in Scienze della formazione primaria, che pertanto si “salvano” per il 2022 con la proroga, ancora per quest’anno, delle regole di cui all’Ordinanza Ministeriale n.60 del 10 luglio 2020. Stesso discorso per la seconda fascia GPS sostegno: nei tre anni di servizio si conteggerà anche l’anno in corso, mentre con il nuovo Regolamento ci si dovrebbe fermare all’anno precedente.

Graduatorie GPS 2022: requisiti di accesso

I requisiti per l’accesso alle GPS, in possesso entro la data della domanda: titolo di accesso alla classe di concorso secondo il D.lgs 59/2017 per le scuole secondarie, titolo abilitante (diploma magistrale precedente al 2002 o laurea in SFP) per le scuole dell’infanzia e primaria, titolo di specializzazione per gli incarichi di sostegno.

Fino all’aggiornamento 2022 delle GPS, se si applicheranno le regole del OM 60/2020, rimane anche la seconda fascia per infanzia e primaria (accesso anche con iscrizione al terzo anno di SFP con rispettivamente almeno 150 CFU) e per sostegno (accesso anche con tre anni di servizio senza specializzazione ma per lo stesso anno scolastico e con titolo di accesso a graduatoria sullo stesso ordine).

Le nomine da graduatoria GPS

L’assegnazione dei posti vacanti vengono assegnati in base alle preferenze espresse e al punteggio in elenco. Le graduatorie sono pubblicate sui siti degli Uffici Scolastici Provinciali (USP). L’incarico deve essere accettato comunicandolo alla scuola tramite email o telefono entro 48 ore. Gli incarichi possono essere: annuali fino al termine dell’anno scolastico o temporanei, anche fino al termine delle attività didattiche.