Dipendenti in salute, dipendenti produttivi

di Teresa Barone

scritto il

Le strategie aziendali per migliorare il benessere e la salute dei dipendenti assicurandosi produttività ed efficienza.

Cresce la percentuale dei datori di lavoro che pone la salute dei dipendenti in cima alle priorità aziendali, sempre più consapevoli della necessità di garantire il benessere delle risorse umane e dei vantaggi portati dalla promozione di efficaci strategie di welfare.

=> Scopri i vantaggi del welfare aziendale

Secondo una recente ricerca condotta su un campione di 892 aziende degli Stati Uniti, Canada, Cina, Singapore e India, ammonta al 94% la percentuale delle società che mette in atto iniziative concrete per favorire la salute dei dipendenti sulla base di un principio che sta trovando una sempre maggiore diffusione: una forza lavoro più sana è una forza lavoro più produttiva.

Stando ai risultati della ricerca, tuttavia, sono proprio i dipendenti a rappresentare il principale ostacolo per migliorare il successo dei programmi di promozione della salute, mostrando poco coinvolgimento.

=> Scopri come motivare i dipendenti con benefit low cost

La tendenza dominante sembra essere quella di erogare bonus periodici ai dipendenti che partecipano attivamente ai progetti welfare proposti in azienda, come anche quella di concedere premi o avviare sanzioni sulla base del minore o maggiore consumo di tabacco o del rispetto di alcuni standard legati all’indice di massa corporea, alla pressione sanguigna e ai livelli di colesterolo.