Sviluppare un’app mobile: le domande da porsi

di Floriana Giambarresi

scritto il

Quali sono le domande da porsi quando si avvia una startup che sviluppa applicazioni mobile? Ecco una guida per imprenditori.

Non si può negare che le applicazioni mobile siano il nuovo punto di riferimento degli imprenditori che stanno avviando una startup. Prima di tuffarsi però in un progetto del genere è bene sapere quali sono le domande da porsi al fine di raggiungere il successo.

=> Scopri come soddisfare i clienti nello sviluppo di un prodotto

Chiamare un team esterno? Se internamente non si hanno talenti sulla gestione e il controllo circa la direzione che il progetto deve intraprendere, allora è meglio optare su collaboratori esterni esperti. L’outsorcing si traduce però inevitabilmente in un minor controllo sul progetto.

Meglio sviluppare per smartphone o per tablet? E per quale sistema operativo? La situazione attuale del mercato vede i telefoni smart come il dispositivo in assoluto più venduto e usato a livello globale, quindi è meglio optare per tale device. La piattaforma leader è Android seguita da iOS di Apple.

Cosa dovrebbe fare l’app? Deve fornire contenuti di valore e deve essere in grado di soddisfare un bisogno o un desiderio degli utenti. Il design deve essere una priorità? Sì. Sviluppare infatti un’applicazione esteticamente d’appeal e molto navigabile anche agli early-adopter rappresentano infatti due punti chiave di ogni app di successo. Monitorare anche il consumo dei dati mobile che l’app richiede.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito