L’importanza del saper delegare

di Chiara Basciano

scritto il

Tre casi in cui è giusto far svolgere ad altri alcune mansioni del proprio lavoro.

I manager tendono a non fidarsi, concentrando nelle proprie mani i compiti di maggiore responsabilità, ma costruire un team funzionante e circondarsi di collaboratori fidati è il primo passo per costruire un ambiente di lavoro sano.

=> Leggi se il manager non sa delegare

Erika Perez, Responsabile della divisione Hays Executive spiega «Delegare, il più delle volte, non significa ‘non saper essere autonomi’, bensì avere la capacità di comprendere quali attività portare avanti individualmente e quali, invece, condividere con il proprio team, per dar la possibilità di stimolare la nascita di nuove idee e generare nuove competenze».

=> Scopri quando non si vuole delegare

Ci sono casi, inoltre, in cui delegare è addirittura preferibile rispetto allo svolgere il lavoro in prima persona, gli esperti di Hays Executive ne hanno individuato tre. Primo caso: quando si può svolgere un’attività raggiungendo gli stessi obiettivi pur utilizzando tecniche diverse. A volte infatti guardare al lavoro degli altri significa vedere le cose da un’altra prospettiva, allargando così i propri orizzonti. Secondo caso: quando delegare significa formare una figura che potrebbe crescere in maniera significativa. Promuovere la formazione significa infatti essere buoni manager e dedicarsi ad essa dà molte soddisfazioni e migliora la produttività dell’azienda.

=> Vai alle cose da non delegare

Terzo ed ultimo caso: quando la mansione non rientra più nel proprio ruolo. Vale a dire è giusto fare un passaggio di testimone per alcune mansioni, ma mantenendo sempre una supervisione sul lavoro svolto e raddrizzando il tiro qualora ce ne fosse bisogno.