Auto usate: un 2012 da dimenticare

di Chiara Basciano

scritto il

I dati relativi ai passaggi di proprietà dell'anno appena concluso sono più che negativi

Nonostante i dati positivi rilevati nel mese di ottobre per quanto riguarda i passaggi di proprietà delle auto usate, in generale l’andamento del 2012 non può dirsi certo positivo. Si è verificata infatti una flessione del 9,75% rispetto al 2011.

=> Leggi i dati di ottobre 2012

Da un lato l’andamento negativo delle vendite delle auto nuove, con un -22,5%, ha causato una minore disponibilità di auto in generale. Inoltre la crisi generale e le manovre fiscali hanno frenato i consumi, anche a causa dell’aumento dei costi di gestione, dall’assicurazione al carburante, senza tralasciare i pedaggi.

=> Leggi la crisi dell’usato

Franco Oltoini, operations director di LeasePlan Italia S.p.A, commenta la notizia così “Con il mese di dicembre, tra i peggiori risultati dell’anno 2012, si conclude un anno difficoltoso anche per l’usato che, a riprova dell’asprezza della crisi che ha caratterizzato il 2012, non è riuscito come in passato ad avere un trend in controtendenza rispetto alla vendita delle auto nuove” e “L’auspicio è che il 2013 possa rappresentare un anno di ripresa economica generale con impatto positivo anche sul mercato dell’usato“.

È stato dicembre infatti il mese più buio per quanto riguarda i passaggi di proprietà (62.179 in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), vedendo una decrescita in volume del 16,08%.