La leadership quando i colleghi hanno più esperienza

di Rosanna Marchegiani

scritto il

Guidare un gruppo di persone più anziane e più competenti può creare dei problemi al giovane leader che si deve conquistare la fiducia degli altri

Siamo soliti immaginare il leader di un gruppo come una persona che ha fiducia nelle proprie capacità; che sa gestire problemi, difficoltà e situazioni impreviste; capace di motivare i membri del gruppo i quali si fidano di lui e lo stimano.

Ma cosa accade se il leader è più giovane rispetto alle persone che deve guidare e, soprattutto, se è dotato di minori competenze tecniche ed esperienze rispetto a queste?

La poca esperienza del leader potrebbe rivelarsi un problema sia perché egli, di fronte a delle difficoltà, non ha un bagaglio dal quale attingere per comprendere quale possa essere il modo migliore per affrontare la situazione, sia perché diventa molto più difficile conquistarsi la stima e la fiducia del gruppo che, forte della maggiore seniority e delle maggiori competenze, potrebbe non riconoscergli quel rispetto che il ruolo richiede.

Sicuramente le cognizioni del leder relativamente al modo di svolgere il proprio compito sono molto importanti, ma esse devono riguardare non solo gli obiettivi da raggiungere ma anche il rapporto con il gruppo: ed è proprio su questo fronte che il giovane leader può conquistarsi la stima degli altri.

Vediamo come. Soprattutto rendendoli partecipi degli obiettivi aziendali a breve e a lungo termine, su quello che l’azienda vuole essere, comunicando di volta in volta anche gli obiettivi raggiunti. Per far sentire valorizzato il gruppo e soprattutto i suoi membri più anziani, è bene chiedere la loro opinione anche su argomenti che non sono particolarmente legati al loro ruolo o anche quando non ce n’è un particolare bisogno.

Ovviamente questo non deve far dimenticare al leader che, alla fine, dovrà essere sempre lui a prendere le decisioni ultime. Un atteggiamento diverso potrebbe farlo apparire debole in quanto incapace di assumersi le proprie responsabilità.

Far comprendere che si è disposti a lavorare duramente e con rigore, che si è pronti ad accollarsi il prezzo che la leadership implica, sia nei momenti positivi che in quelli di difficoltà, permetteranno al leader di mostrare la propria credibilità e autorevolezza.

Per contro, al fine di evitare di trovarsi in difficoltà col gruppo, può essere utile evitare di affrontare dettagli troppo tecnici, delegando i compiti alle persone dotate di maggiori nozioni ed entrando in questioni altamente specialistiche solamente se i risultati conseguiti non sono soddisfacenti e si presenta la necessità di valutare quali sono le situazioni sulle quali intervenire.

Ad aiutare il leader nello svolgimento del suo ruolo vi saranno sicuramente anche lo zelo e il dinamismo che sono propri della giovane età.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari