Dipendenza da lavoro: chi sono i Workaholics

di Teresa Barone

scritto il

Tra le nuove dipendenze, la work addiction colpisce spesso gli alti livelli professionali fino a impedire di condurre una vita normale.

Workaholism, work addiction, dipendenza dal lavoro: tanti modi per definire una vera e propria patologia caratteristica dei tempi moderni e, per questo, ancora oggetto di studio da parte dei professionisti della salute.

=> Leggi come combattere lo stress da lavoro

Chi sono i Workaholics? Sono i lavoratori che non riescono a staccare la spina, che si dedicano alle mansioni d’ufficio oltre 15 ore al giorno e spesso negano di averlo fatto. Ma sono anche i manager e i businessman che diventano dipendenti del proprio lavoro mettendo in atto una sorta di comportamento ossessivo-compulsivo, spesso accompagnato da depressione e stati d’ansia.

=> Scopri perché email e smartphone causano stress

Non esistono, al momento, differenze di genere tra i lavoratori colpiti da work addiction, soprattutto da quando le donne si sono inserite pienamente nel mondo occupazionale fino a diventare, talvolta, più soggette a questo tipo di dipendenza rispetto ai colleghi uomini. Come si legge sul portale “Psychiatry online”, gli esperti Gioacchino Lavanco, Anna Milio e Mauro Croce danno una definizione esplicativa della dipendenza dal lavoro, che: “Può essere compresa tra quelle che vengono definite ‘nuove dipendenze’, o dipendenze sociali dovute a comportamenti i quali, pur producendo le stesse conseguenze delle cosiddette tossico-dipendenze (l’escalation, la tolleranza, l’astinenza, l’evoluzione progressiva del quadro, ecc.), si costruiscono e si autoalimentano in assenza di qualsiasi sostanza ed hanno anche a che fare con comportamenti, abitudini, usi del tutto legittimi e socialmente incentivati.”

=>  Leggi perché lavorare troppo causa depressione

Si diventa dipendenti dal lavoro in modo graduale, nel momento in cui un aspetto della propria vita (quello professionale, in questo caso), si espande fino a invadere completamente tutti gli altri e cancellando qualsiasi interesse al di fuori del lavoro, comprese le relazioni sociali e gli interessi personali.

I tratti caratteristici dei Workaholics sono molteplici: si parte dalla “sete di potere e di successo”  e dalla mania di perfezionismo fino alla necessità quasi impellente di dedicarsi al lavoro per evitare di affrontare tutto il resto, compresa la sfera affettiva. I “drogati di lavoro” sono spesso irritabili, impazienti e impulsivi, sembrano avere sempre fretta e conducono una vita frenetica.

=> Scopri perché le donne manager sono le più stressate

Secondo alcuni studiosi, ad esempio, responsabile dell’incapacità di fermarsi e di rilassarsi propria di questi soggetti è l’adrenalina, presente in quantità tali da impedire di riconoscere e imporsi dei limiti. La dedizione completa al lavoro, spesso, rappresenta un modo per colmare un vuoto interiore, dare sicurezza e migliorare l’autostima. Ragion per cui, nelle rare pause dal lavoro, chi è colpito da questa patologia è spesso invaso da un senso di inadeguatezza e ansia.

I Video di PMI

Quali sono i contenuti migliori per Google?