Precarietà e mobbing principali cause di stress

di Redazione PMI.it

scritto il

Per la maggior parte dei manager e degli impiegati a causare stress sul lavoro sono precarietà, mobbing e poca chiarezza dei ruoli in azienda.

Lo stress lavoro-correlato colpisce sempre più lavoratori in Europa, e l’Italia sembra far parte della rosa di paesi dove questo stato di malessere è maggiormente diffuso: lo afferma l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (Eu-Osha) tirando le somme di un’indagine condotta su circa 17mila cittadini del vecchio continente.

=> Leggi perché la crisi potenzia lo stress da lavoro

Il rapporto “European Opinion Poll on Occupational Safety and Health”, che ha preso in considerazione il lasso di tempo compreso tra il novembre 2012 e il febbraio 2013, ci informa riguardo le principali cause di stress segnalate dai soggetti intervistati, in grado di minare il benessere e la serenità di molti lavoratori appartenenti ai livelli dirigenziali e non.

Dalla ricerca, infatti, si evince che sette italiani su dieci ritengono lo stato di precarietà, la mancanza di sicurezza e la riorganizzazione aziendale principali responsabili dello stress in ambito lavorativo.

=> Scopri se c’è un legame tra stress da lavoro e tumore

Tra le cause compare anche il troppo carico di lavoro, menzionato dal 65% degli intervistati, seguito dalla mancanza di chiarezza dei ruoli e delle mansioni, e dalla carenza di sostegno da parte dei colleghi.

Per il 62% dei soggetti coinvolti nel sondaggio, invece, è il mobbing a provocare stress, come anche la mancanza di flessibilità e la conseguente carenza di autonomia in ufficio. A essere consistente, inoltre, è anche la percentuale di lavoratori che segnala una elevata incidenza del fenomeno stress-lavoro correlato nelle aziende nazionali, pari al 55%, sebbene per il 60% degli interpellati i responsabili delle risorse umane hanno la capacità e i mezzi per far fronte al problema.

Questa percentuale è nettamente superiore alla media europea, come afferma il direttore dell’Eu-Osha, Christa Sedlatschek:

«Il 41% dei lavoratori in Europa dichiara che lo stress lavoro correlato non viene gestito adeguatamente sul luogo di lavoro e, fra questi, il 15% ritiene che sia gestito in modo “del tutto inadeguato”. Siamo molto attenti a come affrontare i rischi psicosociali come lo stress lavoro correlato. L’anno prossimo lanceremo la nostra campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri sul tema “La gestione dello stress lavoro correlato”. Il messaggio da trasmettere alle aziende europee di dimensioni e settori diversi è che i rischi psicosociali possono essere gestiti in modo logico e sistematico, esattamente come altri problemi correlati alla salute e alla sicurezza”.»