Licenziare un dipendente: come agiscono i manager?

di Redazione PMI.it

scritto il

Una ricerca CareerBuilder illustra le strategie più usate dai manager per sollevare dal suo incarico un dipendente poco produttivo.

Se un dipendente non svolge bene il suo lavoro, è sempre in ritardo e si mostra aggressivo nei confronti dei colleghi, potrebbero esserci tutti i presupposti per un richiamo formale se non per il licenziamento vero e proprio. Ma qual è il comportamento dei manager in tali circostanze?

=> Scopri come cambia il rapporto datore-dipendente

Risponde a questa domanda uno studio condotto da CareerBuilder condotto scandagliano le opinioni di 2184 responsabili delle assunzioni e professionisti delle risorse umane statunitensi, ricerca che ha messo in luce quali sono le strategie più usate per far capire a un dipendente che il rapporto di lavoro potrebbe essere agli sgoccioli.

Secondo Rosemary Haefner, vice presidente delle risorse umane per CareerBuilder, è importante che i manager siano il più chiari e diretti possibile con i dipendenti che non apprezzano, o che ritengono meno efficienti e produttivi rispetto al passato.

«Per fortuna, una pluralità di manager intervistati ha ammesso di essere aperto al confronto e di procedere con un avvertimento più o meno formale, tuttavia, alcuni sembrano ricorrere a comportamenti aggressivi: è importante che i lavoratori sappiano riconoscere i “segnali” di pericolo inviati dai manager e, se necessario, adottare misure per migliorare la loro situazione.»

A parte gli avvertimenti formali, i manager agiscono in vario modo: si passa dalla semplice segnalazione di carenze nelle prestazioni del dipendente fino alla riduzione delle sue responsabilità, dalla sostituzione del lavoratore fino allo spostamento dello stesso in un’altra area di lavoro.

=> Scopri come mantenere i dipendenti motivati e impegnati

Stando ai dati della ricerca, inoltre, i boss usano spesso altre strategie per evidenziare il malcontento nei confronti di un lavoratore, escludendolo da determinati progetti e limitando la sua partecipazione alle riunioni periodiche, oppure tenendolo all’oscuro delle novità che riguardano lo sviluppo dell’azienda.