Mens sana…

di Chiara Basciano

scritto il

Le mense aziendali, tra la lotta agli sprechi e la voglia di mangiar sano

La pausa pranzo è un tema caldo da sempre. Si sa che una buona alimentazione porta ad un alto rendimento sul lavoro, ma mai come in questo periodo, con il boom del biologico, si è presa coscienza della necessità di fornire ai dipendenti una mensa aziendale che offra cibi freschi e sani.

=> Scopri i vantaggi di una buon alimentazione

Oltre a questo è partita una campagna di sensibilizzazione riguardante gli sprechi domestici e aziendali. In particolare si è tenuto un convegno dal titolo “Quanto Basta – Un principio etico contro lo spreco alimentare”, il 30 novembre a Roma, in cui si è parlato della necessità di coordinare istituzioni, cittadini e imprese per evitare di buttare via il cibo. Per gli oltre 400 manager intervistati infatti il problema degli sprechi alimentari deve essere affrontato in primo luogo dai cittadini (95%), dalle imprese (89,3%) e dalle istituzioni (88,3%).

=> Leggi i consigli per la pausa pranzo

Altra iniziativa interessante riguarda 14 mense aziendali, si tratta di quella promossa dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus, vale a dire che nel giro di 24 ore il cibo cotto o fresco non consumato nelle mense aziendali viene confezionato e sottoposto ad abbattimento di temperatura per poi arrivare negli enti caritativi.

=> Vai a come evitare l’eccesso di cibo

Un modo intelligente di riciclare le risorse. Sul fronte salute invece investe l’Ospedale San Giacomo di Novi Ligure, che con il progetto “Mensa in forma”, ideato dalla dietista Francesca Fiumara, aiuta i dipendenti a scegliere consapevolmente il cibo di cui nutrirsi, dando una serie di consigli semplici ma utili.