Talenti in fuga? Ecco gli errori da evitare

di Teresa Barone

scritto il

Secondo Forbes il 70% dei dipendenti non si sente valorizzato in azienda: ecco i passi falsi che provocano la fuga dei talenti.

La perdita dei dipendenti più qualificati è uno dei timori che accomuna gran parte delle aziende e dei CEO,  un rischio che – stando a quanto dichiara un’indagine resa nota da Forbes – rappresenta una possibilità molto concreta.

=> Leggi perché gli elogi del capo fanno lavorare di più

Se più del 30% dei dipendenti attualmente attivi all’interno di grandi aziende a livello internazionale spera di trovare un nuovo impiego entro 12 mesi, oltre il 70% dichiara di non sentirsi apprezzato e valorizzato dal proprio datore di lavoro, mentre il 60% ritiene che i propri obiettivi di carriera non siano allineati con i progetti aziendali.

Ma quali sono gli errori compiuti dai top manager e causa della “fuga” di talenti?

1. Incapacità di stimolare la passione dei dipendenti più qualificati, impedendo  l’allineamento tra le attitudini e le aspirazioni individuali con l’affidamento di incarichi appropriati.  

2. Scarso impegno nello sviluppo della creatività dei collaboratori, ai quali non è stata data la possibilità di esprimersi al meglio e di proporre idee e progetti innovativi.

3. Poca cura delle persone a livello umano ed emotivo, un compito che i datori di lavoro dovrebbero svolgere con attenzione: i dipendenti non hanno bisogno solo di una retribuzione adeguata per garantire impegno e dedizione.

4. Incapacità di riconoscere il contributo dei dipendenti attraverso riconoscimenti e politiche di premialità non necessariamente legate alla concessione di bonus economici.

=> Scopri gli errori comuni nella gestione di un team

5. Scarso interesse verso la crescita professionale dei migliori talenti presenti in azienda, con il conseguente mancato affidamento di incarichi di responsabilità.