Buzzwords da evitare

di Chiara Basciano

scritto il

Quali parole evitare nella descrizione del proprio profilo professionale, per non finire nel calderone

La fine dell’anno è sempre il momento in cui si stilano le classifiche, per fare il bilancio della situazione in ogni settore. Linkedin ha condotto un sondaggio tra i suoi iscritti per scoprire quali sono i termini più utilizzati nel corso dell’anno.

=> Leggi gli errori da evitare nei cv

Per il secondo anno consecutivo vince la parola “responsabile“, presente nella maggior parte dei profili dei professionisti italiani. Oltre al primo classificato sono indicati in tutto dieci termini: Capacità organizzative, Esperto, Collaborativo (capacità di lavorare in team), Capacità di coordinamento, Professionale, Creativo, Strategico, Problem solving, Specializzato.

=> Scopri i consigli per i manager delle risorse umane

L’indicazione di tali termini è funzionale alla creazione del proprio profilo, infatti evitare certe parole è utile per evitare di perdersi nella mischia. Ed ecco che da Linkedin arriva qualche consiglio in questa direzione, partendo dal presupposto che “le parole sono importanti” come diceva Nanni Moretti.

=> Vai ai consigli per un cv perfetto

Essere responsabili ed efficaci è considerato da tutti centrale, ma non per questo va scritto in maniera diretta, sarebbe meglio farlo trapelare da tutta la descrizione generale del profilo, magari descrivendo nel dettaglio i risultati raggiunti. Innovativo, strategico e creativo sono tutte parole utilizzate per dimostrare la propria unicità, allora perché non dimostrarla con esempi concreti? Tramite foto o video che facciano scoprire il proprio lavoro. Un trucco importante è personalizzare il proprio profilo a seconda del destinatario, il quale dovrebbe essere “studiato” il più possibile, eventualmente rubandogli qualche termine che li caratterizza.