Bilancio Istat sulla sicurezza

di Chiara Basciano

scritto il

Diminuiscono gli infortuni sul lavoro ma rimane molta preoccupazione per lo stato di salute dei lavoratori

Fine anno, tempo di bilanci, ma se è troppo presto per fare i calcoli sull’anno che ancora deve finire è invece il momento di mettere le carte in tavola per quanto riguarda l’anno precedente. Per questo arriva puntuale il resoconto Istat sulla sicurezza sul lavoro del 2013.

=> Scopri quanto costano gli infortuni

Secondo quanto riportato nel corso dell’anno 714mila persone hanno dichiarato  di aver subito un infortunio sul luogo lavoro o nel tragitto casa-lavoro, con una percentuale in diminuzione rispetto al 2007.

=> Leggi le responsabilità del datore di lavoro

Le patologie riscontrate sono per il 59% di natura ossea articolare muscolare, per il 29,5% dolori di schiena, per il 11,9% di natura psicologica mentale. Tra gli intervistati sono 17 milioni ad aver dichiarato di percepire rischi sul posto di lavoro e i fattori percepiti maggiormente sono movimenti ripetitivi mano braccio (43,6%) e infortunio (40,2%).

=> Vai al benessere in azienda

La tipologia maggiormente coinvolta in problemi di salute è costituita da uomini nelle fasce d’età 35-54 anni e 55-64 anni e 91mila sono cittadini stranieri (12,7%). Mentre i settori più a rischio sono agricoltura, edilizia, trasporti, industria e sanità. Ma i problemi di natura psicologica come lo stress, la depressione e l’ansietà – dovuti a carico di lavoro eccessivo o a tempistiche pressanti, per il 25,3%,  a prepotenze o vessazioni, per il il 4,3% o a minacce, per il 1,5% – sono fenomeni trasversali che coinvolgono il più delle volte la vita d’ufficio.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari