Quando licenziare il manager

di Chiara Basciano

scritto il

Segnali da prendere in considerazione per verificare se il manager va licenziato.

Avere il giusto manager a capo dell’azienda è fondamentale per la sua riuscita. Un cattivo manager potrebbe danneggiare molto seriamente il business. A volte la persona che sembrava perfetta si rivela in poco tempo sbagliata. Ma se si corre subito ai ripari si possono limitare i danni.

=> Vai al licenziamento per giustificatezza

Ci sono alcuni segnali evidenti per capire se il manager è quello giusto oppure no. Per esempio ci sono manager che prendono decisioni importanti basandosi sul proprio tornaconto. Non sono la produttività o gli interessi dell’azienda a guidarlo, ma le relazioni politiche e sociali. In questo caso si tratta di un atteggiamento del tutto errato che inficia la qualità dell’azienda.

=> Leggi come ricominciare dopo il licenziamento

Altro segnale negativo è un modo di comunicare univoco. Se i manager non ascoltano i feedback dei dipendenti, non si mettono in relazione con loro e tendono a dare ordini allora il manager sarà da licenziare. In ogni caso ascoltare i dipendenti è la cosa migliore da fare. Se si lamentano sempre più spesso allora potrebbero avere ragione. In alcuni casi le lamentele vengono da un solo reparto o da un solo tipo di dipendente. Finché è così allora la cosa è risolvibile con un discorso a quattr’occhi col manager ma se il malcontento è diffuso allora bisognerà prendere di petto la situazione e licenziare il manager. Naturalmente non ci sarà niente da fare per i manager che tendono ad utilizzare il proprio potere in maniera errata. Pressioni sui dipendenti, chiedere troppo, in tempi brevi e con poca gentilezza sono comportamenti che non possono essere tollerati da nessuno.