Negoziare con i colleghi

di Teresa Barone

scritto il

Risolvere i confitti con i colleghi di lavoro trovando un accordo che soddisfi entrambi.

Nessun ambiente lavorativo è immune dai conflitti e dalle difficoltà di comunicazione tra tutti coloro che ne fanno parte. Gestire una ostilità con i colleghi può rivelarsi un’impresa ardua e non sempre esiste un’unica strategia risolutiva da applicare.

=> Sopravvivere in un mondo competitivo 

Le opzioni da sfruttare quando si crea un attrito con un collega sono diverse: si può scegliere di tacere, di farlo presente al capo, di cercare al più presto un nuovo impiego oppure di affrontare il problema e cercare una soluzione che soddisfi tutti.

Se è vero che negoziare rappresenta la scelta più vantaggiosa, è innegabile che non sempre si ottiene il risultato sperato a meno che non ci si prepari a dovere: determinare ciò che si desidera è il primo passo, chiarendo a sé stessi fino a che punto si cederà per giungere a un compromesso e a quale richiesta, invece, si risponderà con un categorico no.

L’obiettivo del confronto, inoltre, non deve essere appianare le divergenze che derivano da conflitti interpersonali ma trovare un accordo che consenta a entrambi di svolgere il proprio lavoro senza che la qualità ne risenta. Trovare un terreno di interesse comune fondamentale, ma ancora più importante è portare avanti il negoziato con estrema calma in modo tale da trovare a una soluzione che, non sempre, potrà essere trovata nel minor tempo possibile.

=> Stress da lavoro causato da precarietà e competizione 

Infine, confrontarsi con un collega significa anche ammettere le proprie responsabilità e scusarsi se la situazione lo richiede, sforzandosi di andare incontro alle sue esigenze quando queste non compromettono le proprie mansioni.

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI