Tecniche evergreen di gestione del tempo

di Chiara Basciano

scritto il

Sei tecniche che hanno fatto storia per gestire il tempo di lavoro.

Tra tutte le metodologie per una migliore gestione del tempo, ce n’è una – semplice ed immediata – che non diventa mai obsoleta: quella suggerita da D.D. Eisenhower.

Un quadrante diviso in quattro sarà utile per suddividere le cose urgenti da fare, quelle da programmare, quelle da delegare e quelle da depennare. Una lista che impone lucidità e visione a lungo termine,  costringendo ad agire subito e a scaglionare i compiti fin da subito.

=> Falsi miti della gestione del tempo

Negli anni Ottanta impazzava invece la tecnica del pomodoro (da Francesco Cirillo), dal nome del classico timer da cucina: si scandisce il tempo in compiti da svolgere in 25 minuti, con pause di 5. Dopo quattro tempi da 25 è prevista una pausa di 20 minuti per ricaricarsi.

La tecnica GTD (Getting Things Done) è poi un sistema di gestione della produttività e del tempo creato dall’autore di best-seller David Allen. Di fondo, si prende appunti sulle cose da fare per organizzarle in seguito. Si basa soprattutto sull’elaborazione delle idee.

La regola 80/20, invece, indica come l’80% dei risultati derivi dal 20% dell’azione.

The Seven Habits of Highly Effective People, di Stephen Covey, suggerisce un metodo simile a quello Eisenhower, con un diagramma in base alle priorità, un’asse indicante l’urgenza e l’altra indicante l’importanza dei compiti.

Infine, Tony Robbins, con il suo Rapid Planning Method (RPM) spinge chi lo adotta a comprendere gli aspetti chiave del lavoro da svolgere, anche a livello personale, mettendolo nella condizione di chiedersi il perché delle cose. Ciò lo porta non solo ad ottenere risultati tangibili ma anche ad avere uno scopo.

I Video di PMI

Come compilare un business plan in 5 passi