Tratto dallo speciale:

Pubblicità online: ripresa nel 2009

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Web Advertising: sulla scia dell'andamento positivo nel primo trimestre dell'anno, si prevedono nel 2009 investimenti per 931,35 milioni di euro, con una crescita del 13,7%

Pubblicità su Internet in salita, nonostante la crisi: basandosi sui dati FCP Assointernet e Nielsen Media Research, IAB Italia prevede per tutto il 2009 una crescita degli investimenti (+13,7%) per un valore complessivo del mercato di 931,35 milioni di euro.

Le stime si basano sull’andamento positivo dell’Advertising online nel primo trimestre dell’anno.

Si focalizzano su spesa e fatturato delle concessionarie online operanti nei segmenti Display Advertising, Email marketing, Search, Directories e Mobile.

Secondo il Presidente di IAB Italia, Layla Pavone, il Web offre al giorno d’oggi una enorme opportunità di comunicazione per le aziende italiane, garantendo un potenziale bacino di 21 milioni di utenti.

Una base assodata che offrirebbe alla pubblicità online notevoli previsioni di crescita per il 2009 e al cui successo contribuirebbe inoltre il potenziale innovativo dei media digitali: un trend positivo che non dovrebbe mancare di trovare conferma anche nei mesi a venire.

Da una analisi dei dati dell’Osservatorio FCP-Assointernet (gennaio-febbraio 2009) – aggregati per veicoli web Display, Search e Affiliate – emerge una stima di crescita del 10% per il settore Display (per un valore di 355,5 milioni di euro) e addirittura del 20% per il settore Search, con una previsione di fatturato pari a 342 milioni di euro.

La previsione per il settore Classified/Directories è invece pari a un +12% di crescita, con un valore che dovrebbe superare i 190,4 milioni di euro. Invece, per quanto riguarda l’Email marketing, si stima una crescita del 5% per 22,05 milioni di euro. Infine, buone prospettive anche per quanto concerne il settore Mobile, a quota 8%, per un totale di 21,6 milioni di euro.

I Video di PMI

Facebook locations per chi ha più sedi fisiche