Microsoft e Facebook: advertising e ricerca web!

di Noemi Ricci

scritto il

Accordo in vista per Microsoft ed il sito di social networking Facebook: la casa di Redmond punta a rendere disponibile sul sito il proprio motore di ricerca Windows Live e gestire gli annunci pubblicitari

Si concretizzano i rumors della rete: come riporta il Wall Street Journal, Microsoft è in procinto di stringere un accordo con Facebook, integrandovi le proprie soluzioni di web search e gestendone la pubblicità contestuale.

La mossa appare come una scelta strategica, probabilmente finalizzata a far concorrenza al colosso della pubblicità online, Google. Nel settore della ricerca web, infatti, Microsoft detiene una quota di mercato di appena il 3%, ben poco rispetto al 62% di Google.

In pratica, secondo i termini dell’intesa in procinto di essere siglata, il colosso dell’IT dovrebbe rendere disponibile sul sito di social networking il proprio motore di ricerca Windows Live, gestendo anche gli annunci pubblicitari.

La notizia dell’imminente accordo arriva in un momento in cui non sembrano esserci margini per una ripresa a breve termine delle trattative con Yahoo!, confermando invece la nuova linea data dalla riorganizzazione della società.

Gli analisti, del resto, l’aspettavano da tempo come unica strada per ottenere un rilancio di immagine dopo le difficoltà incontrate nel lancio di Windows Vista, che ancora non è riuscito a “rimpiazzare” Windows XP.

Con il nuovo corso, alla guida della divisione Windows e Windows Live ci saranno Steven Sinofsky, Jon DeVaan e Bill Veghte, mentre nell’unità internet Microsoft è ancora in cerca di un dirigente, che risollevi la situazione.

La divisione Internet, infatti, ha registrato lo scorso anno perdite per un totale di 1,2 miliardi di dollari, praticamente il doppio rispetto a quelle dell’anno precedente. Intanto il compito di guidare la divisione toccherà per il momento al vice presidente Satya Nadella, a cui si devono le dichiarazioni più consistenti circa il nuovo accordo Microsof-Facebook.