Tratto dallo speciale:

Social commerce, il nuovo trend del commercio digitale

di Redazione PMI.it

scritto il

Si sente sempre più spesso parlare del social commerce; scopriamo di cosa si tratta con esattezza e come può essere utile per aumentare le vendite online.

Con l’introduzione del distanziamento sociale e le chiusure temporanee dei negozi fisici causate dalla pandemia di Covid-19, due tendenze già in atto da molti anni hanno subito una sorta di accelerazione: ci riferiamo alla crescita vertiginosa degli e-Commerce ed all’aumento dell’utilizzo dei Social Media. La diffusione di questi due trend digitali ha di fatto velocizzato la diffusione di un fenomeno collegato, quello del social commerce. La pandemia ha dunque solo accelerato un fenomeno affatto nuovo, erano infatti già tantissime le aziende che, prima della crisi Covid-19, avevano già iniziato a sfruttarne le opportunità del Social Media Marketing, ben consapevoli dell’enorme potere dei social network.

Scopriamo insieme come il marketing sui Social Media si sta evolvendo, e in cosa consiste esattamente il social commerce.

Nuove frontiere del commercio sui Social Media

Quando parliamo di social commerce ci riferiamo, in maniera ampia e semplice, alla vendita di prodotti e/o servizi attraverso l’utilizzo dei Social Media aziendali. Più nello specifico, si tratta di portare l’intera esperienza di acquisto dei consumatori direttamente sui Social Media, senza reindirizzarle ad un sito internet esterno o ad altra piattaforma di eCommerce.

Insomma, il social commerce nasce dall’unione dei siti di eCommerce con i profili delle aziende sui Social Media: vengono sfruttati sia il successo del Social Media Marketing, sia la crescita esponenziale degli acquisti online per invogliare il proprio pubblico ad effettuare un acquisto, rendendo l’esperienza più facile e veloce. Tramite un semplice click sui social, si offre la possibilità di aprire una pagina prodotto direttamente sul social scelto, consentendo a chi lo desidera di acquistare immediatamente il prodotto in questione.

Considerate le enormi potenzialità, le principali piattaforme social si sono di recente attrezzate con nuovi strumenti per rendere il social commerce una realtà: pensiamo ad esempio a Facebook Shops, Shopping su Instagram o le innovazioni della piattaforma WhatsApp Business, a cui è stata aggiunta la funzione “Carrello”. Grazie al social commerce, in definitiva, l’intero processo che porta alla conclusione della vendita viene svolto sui social: dalla scoperta del prodotto fino al suo pagamento, gli utenti potranno adesso realizzare i propri acquisti utilizzando i social network.

Social commerce: i vantaggi per le aziende

Il social commerce può, di fatto, aumentare le vendite? La risposta è affermativa: questo nuova fusione tra eCommerce e social rende l’esperienza dell’utente interattiva, invogliandolo maggiormente all’acquisto. Il processo di acquisto diventa anche molto rapido, il che può essere motivante per l’utente, che può completare l’operazione in pochi click.

La scoperta di un prodotto sui Social Media, inoltre, consente al consumatore di reperire agevolmente tutte le informazioni necessarie sul prodotto, inclusi i commenti e i feedback degli altri utenti. Tra l’altro, attraverso il social commerce, le aziende possono aumentare i propri potenziali clienti, sfruttando la visibilità garantita dai Social; con un’esperienza di acquisto così semplice, l’unica cosa di cui occuparsi è la brand awareness.

Come potenziare l’esposizione del brand, facendolo conoscere a più persone possibili? Le aziende possono usufruire del lavoro degli influencer, delle Call To Action rivolte ai consumatori e dei contenuti generati dagli utenti per competere con successo nel mercato del social commerce.

Un ultimo vantaggio del social commerce (ma non meno importante rispetto ai precedenti) è che, grazie ai social media, si può avere facile accesso ai profili social dei clienti abituali: questi dati possono essere sfruttati per potenziare e migliorare la futura ricerca di nuovi clienti, dato che si possono facilmente reperire, attraverso i tool messi a disposizione dai social stessi, informazioni dettagliate sul proprio pubblico target.

Ovviamente, il social commerce è solo uno dei pezzi del più ampio puzzle rappresentato dal piano di Digital Marketing completo e integrato che, se utilizzato da solo, potrebbe anche non dare i risultati sperati.Alla base del commercio che sfrutta i social, infatti, deve sempre esserci una solida e coinvolgente strategia, che aumenti le possibilità di successo dell’azienda.


di Laura Caracciolo, Social media manager, AU di Emera