Piano editoriale social per il profilo aziendale delle PMI

di Redazione PMI.it

scritto il

Cos’è il piano editoriale social? Analizziamo questo strumento, necessario per il successo di una PMI sui Social Media, e vediamo come redigerlo.

Chi possiede un profilo per la propria attività non può assolutamente farne a meno: parliamo del piano editoriale social. Costruire la propria presenza sui social media e mantenerla, compiendo tutte quelle azioni necessarie per far si che la visibilità aziendale aumenti, potrebbe sembrare un’operazione complessa. Purtroppo, infatti, non è sempre facile capire cosa postare e quando, e spesso ci si trova a condividere un contenuto poco studiato nel tentativo di non perdere followers e di non “oscurare” il proprio profilo business per giorni (o peggio settimane). Ma chi possiede un piano editoriale social correttamente stilato non risentirà di questo tipo di problemi.

Possedere un piano d’azione specifico e sapere quali contenuti vanno postati, in che giorno e a quale orario, è necessario: non si può lasciare il proprio profilo commerciale al caso. Al contrario, con un piano editoriale ben definito è possibile produrre contenuti studiati, che coinvolgano il pubblico e che aiutino ad ottenere conversioni. Ma cos’è esattamente un piano editoriale per i social media e come crearne uno?

Differenze tra piano e calendario editoriale

Innanzitutto, prima di iniziare a parlare della creazione di un piano editoriale social, è doveroso fare una precisazione. Spesso i termini “piano editoriale” e “calendario editoriale” vengono usati in modo intercambiabile, come se non ci fosse alcuna differenza tra loro. In realtà si tratta di due differenti passaggi del content marketing.

Con il termine piano editoriale indichiamo infatti un documento contenente le informazioni inerenti agli argomenti che andranno necessariamente trattati e in che formato realizzare il contenuto in questione.

Una volta stabilito un piano con i contenuti da trattare, è possibile pianificare la calendarizzazione dei contenuti: in questo caso, cioè, si stila il calendario editoriale vero e proprio, fissando la data di pubblicazione dei contenuti e il social media su quale pubblicarli. Dunque, per poter calendarizzare i contenuti, c’è prima bisogno di un piano editoriale social, contenente gli argomenti che non devono assolutamente mancare sul profilo social in questione.

Come creare un piano editoriale social?

Organizzare un piano editoriale social non è difficile come potrebbe sembrare, ma occorre seguire degli step ben precisi per essere sicuri di ottenere un piano realmente efficace. Innanzitutto, bisogna partire dall’analisi del proprio brand, individuando i punti di forza che si vogliono comunicare al pubblico; in questo momento è anche opportuno individuare gli obiettivi che si vorranno raggiungere tramite l’utilizzo dei social media. La pianificazione dei contenuti dovrà infatti necessariamente tenere conto degli obiettivi stabiliti. Sia che si voglia stabilire un’immagine di sé professionale, sia che si vogliano usare i social per vendere, occorre stabilirlo prima di pianificare il piano editoriale.

Una volta ultimata l’analisi del brand, occorre studiare il potenziale pubblico a cui indirizzare i post. Conoscere bene i propri seguaci e il pubblico target che potrebbe essere interessato a prodotti/servizi offerti è fondamentale: senza sapere con esattezza a chi ci si rivolge, si rischia di proporre agli utenti contenuti generici, poco attrattivi, che non genereranno conversioni né coinvolgimento da parte del pubblico.

Compiuti questi passaggi, sarà semplicissimo decidere quale sarà il tone of voice delle pubblicazioni, oltre che le parole chiave che andranno utilizzate per arrivare al cuore del pubblico. Una cosa è certa: è necessario che i post siano coerenti sia col pubblico di riferimento che con mission e valori aziendali, che siano originali e che differenzino il brand dai competitor. I contenuti devono servire a costruire la brand identity aziendale agli occhi degli utenti.

Una volta stabiliti le tematiche da trattare, in che formato esporle, quali sono gli obiettivi e il pubblico a cui vuoi rivolgerti, si può procedere a stilare il calendario editoriale, calendarizzando i contenuti. Come organizzare visivamente il piano editoriale e il successivo calendario? Un foglio di lavoro elettronico che permetta di trascrivere un elenco (e di stamparlo, se lo si preferisce in versione cartacea) sarà sicuramente di grande aiuto.

___

di Laura Caracciolo, Social media manager, AU di Emera