L’impatto della crosscanalità nelle vendite

di Chiara Basciano

scritto il

Combinare i diversi mezzi di comunicazione per potenziare il marketing ed incrementare le vendite: numeri, trend e strategie.

Il processo di acquisto ha ormai diverse strade battute, capaci di coinvolgere i clienti su diversi livelli. Approfittare delle loro potenzialità vuol dire rimanere al passo coi tempi. Il negozio fisico è affiancato dai canali social, in un lavoro di sinergia che accresce il coinvolgimento degli utenti.

L’indagine condotta da XChannel dimostra come la crosscanalità sia la strategia dominante del momento, attraverso lo studio delle vendite natalizie di giocattoli.

La crescita delle transazioni è notevole, considerato che si attesta su un 48% in più, ma è da sottolineare che la vendita in supermercati e ipermercati è calata del 12%. I clienti sembrano preferire gli shop specializzati, che hanno avuto un calo solo dell’1%. I clienti cercano coinvolgimento e consigli nei negozi fisici, ma arrivano preparati grazie ad un capillare studio dei trend visualizzati on line.

=> E-commerce: e-shop italiani crescono

Il Tasso di Visualizzazione nel periodo natalizio è stato del 35% su YouTube, un CTR (Click-Through-Rate) su Google del 4%, un Interaction Rate (Engagement) del 3% su Instagram e del 2% su Facebook.

Da qui si è passati alla visita in negozio virtuale o fisico, con un incremento generale degli acquisti, fatti però in maniera consapevole.

È proprio questo il vantaggio della crosscanalità: la capacità di rendere più informati i clienti e di portarli ad un acquisto più consapevole. In questo senso la parola finale, tra i diversi canali informativi, spetta a Facebook che ha il potere di convincere del tutto il cliente all’acquisto.