Sconti RCA: Governo approva Ddl

di Noemi Ricci

scritto il

Il Ddl ad hoc che riforma il settore RC auto prevedendo fino al 23% di sconto sulle polizze assicurative a fronte dell'apposizione di alcune clausole contrattuali.

Arriva sull’RC auto un disegno di legge ad hoc che prevede sconti totali fino al 23%, dopo che la Commissione Finanze aveva cancellato l’articolo 8 del decreto Destinazione Italia con il quale veniva proposta la riforma del settore RC auto prevedendo diversi sconti, ma anche un risarcimento in forma specifica praticamente obbligatorio, l’abolizione della cessione del credito al carrozziere, lo sconto per l’applicazione della scatola nera e la stretta sulle lesioni lievi.

Destinazione Italia: gli emendamenti approvati al decreto

Ddl ad hoc RCA

Il Ddl ad hoc per il settore RCA ha ricevuto il via libera del Consiglio dei Ministri, dove è approdato  su proposta del ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, con l’obiettivo di «ridurre i costi dell’assicurazione auto consentendo l’apposizione di alcune clausole contrattuali che mirano a vanificare le richieste fraudolente di risarcimento e ad assicurare riduzioni del premio assicurativo. Questo meccanismo abbasserebbe il prezzo finale per il consumatore, rispetto all’anno passato», spiega una nota di Palazzo Chigi.

Sconti RCA

A livello di esempio, il comunicato di del Consiglio dei Ministri pone il caso di chi prima pagava un premio RC auto di 1.000 euro all’anno: dopo l’approvazione del Ddl questo avrà una decurtazione a 770 euro. Più in particolare le misure prevedono:

  • uno sconto del 7%, sulla media dei prezzi regionali, per l’applicazione della scatola nera;
  • uno sconto del 5% e del 10% per risarcimento in forma specifica presso carrozzerie convenzionate;
  • uno sconto del 4% per il divieto di cessione del diritto al risarcimento;
  • uno sconto del 7% per prestazioni di servizi medico-sanitari resi da professionisti convenzionati con le imprese assicurative.

Per le compagnie assicurative sono previste sanzioni che vanno da 5.000 euro ai 40.000 euro in caso di mancata pubblicità o comunicazione. In sostanza Il Ddl RCA approvato non presenta modifiche sostanziali rispetto al al pacchetto precedentemente contenuto nel decreto Destinazione Italia. Secondo i rumors trapelati però potrebbe arrivare un alleggerimento del divieto di cessione del credito dal danneggiato al suo carrozziere di fiducia, una delle misure che aveva sollevato le maggiori proteste da parte degli artigiani. Per maggiori informazioni consultare il comunicato del CdM.

I Video di PMI

Legge di Bilancio: l’iter istituzionale