Leveraged Buy Out, agevolazioni per fusioni di Pmi

di Noemi Ricci

scritto il

La proposta di legge, che prevede agevolazioni fiscali per le Pmi oggetto di operazioni di Leveraged Buy Out, è in attesa di iniziare l'iter parlamentare: tra le novità, la sostituzione dei classici finanziatori con gruppi di dirigenti

È in attesa di iniziare il suo iter parlamentare la proposta di legge che prevede agevolazioni fiscali per le Pmi oggetto di operazioni cosiddette “Leveraged Buy Out” (L.B.O.), ovvero di fusione a seguito di acquisizione, mediante indebitamento finanziario da parte di dipendenti dell’impresa.

La proposta di legge – che definirà l’insieme delle operazioni finanziarie da effettuare per l’acquisto di società in fase di indebitamento – è stata assegnata alla Commissione Finanze del Senato nei giorni scorsi.

La prima operazione preordinata alla fusione è la costituzione di una società-veicolo ad hoc, denominata “NewCo“. Questa si dovrà far carico di raccogliere i fondi necessari per l’acquisto del patrimonio o delle azioni dell’altra società, denominata invece “società target“.

A questo punto, è possibile concludere l’acquisto mediante fusione per incorporazione delle due società .

I fondi possono essere reperiti mediante investitori, attraverso capitale di rischio o anche tramite indebitamento finanziario da estinguere con flussi di cassa generati dall’impresa acquisita o vendendo rami dell’azienda (break-up).

Lo strumento del “leveraged buy out” potrà essere utilizzato anche da piccole e medie imprese e aziende artigiane non quotate in Borsa, in temporanea difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, in stato di liquidazione volontaria o ammesse a procedura concorsuale.

La novità che si vorrebbe a introdurre è la possibilità data ai gruppi dirigenti di entrare in gioco direttamente nel risanamento aziendale, sostituendo i classici finanziatori (banche e società finanziarie) e svolgendo la funzione di garanti presso istituti di credito e finanziamento.

Nella relazione parlamentare si legge, appunto, che la finalità della normativa è «agevolare l’acquisizione finanziaria di una determinata società o azienda, attraverso la partecipazione totalitaria o di controllo, da parte dei dipendenti o dei collaboratori o dei dirigenti della stessa impresa, al fine di una migliore riorganizzazione dell’assetto azionario o societario».

I Video di PMI

Le agevolazioni previste tramite ISEE