Split Payment IVA: ok dalla UE

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Via libera della UE, ma a tempo limitato, per lo split payment in Italia: i dettagli.

Via libera dall’UE allo Split Payment in Italia: la decisione n. 1401/2015 del Consiglio dell’Unione Europa con cui si autorizza l’Italia ad utilizzare il meccanismo della scissione dei pagamenti, previsto dalla Legge di Stabilità, fino al 31dicembre 2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

=> Split Payment IVA: cosa sapere

Split Payment

Lo Split Payment è regolato dal comma 629, lettera b, articolo 1, della legge 190/2014 (Legge di Stabilità 2015) e riguarda le operazioni nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni: secondo tale meccanismo è la PA a versare direttamente all’Erario l’IVA che il fornitore addebita in fattura senza incassarla.

Autorizzazione della UE

L’autorizzazione all’utilizzo dello Split Payment, nel frattempo entrato in vigore il 1° gennaio 2015, era stata chiesta dall’Italia a Bruxelles poiché la direttiva comunitaria sull’IVA (2006/112/CE) non prevede però questo meccanismo. Ora la UE ha autorizzato l’Italia all’utilizzo della scissione dei pagamenti, ma solo fino al 31 dicembre 2017.

=> Split Payment IVA: applicazione, controlli e sanzioni

L’Italia ha assicurato all’Unione che non chiederà il rinnovo dell’autorizzazione alla misura di deroga prevedendo di poter sfruttare per quell’epoca a pieno le potenzialità di contrasto alle frodi e all’evasione fiscale della fatturazione elettronica, già obbligatoria nei rapporti con la PA.

I Video di PMI

Aumento IVA: la clausola di salvaguardia