Bonus maggio e fondo perduto: criterio di fatturato a confronto

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Stefania chiede

Diversamente dalla vostra risposta, per il calcolo della differenza di fatturato tra aprile 2019/20, sulla guida dell’Agenzia delle Entrate si fa riferimento al fatturato del periodo e non all’incasso. Qual è il criterio corretto? Vale anche per un srls e/o per le altre forme societarie?

Barbara Weisz risponde

La risposta a cui lei fa riferimento riguarda il bonus di maggio e non il contributo a fondo perduto.

Per il diritto al bonus di maggio dei professionisti a partita IVA, la legge (articolo 84, comma 2, dl 34/2020) prevede che la comprovata riduzione del fatturato del 33% subita nel secondo bimestre 2020 sia individuata secondo il principio di cassa, come differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese effettivamente sostenute.

La Guida dell’Agenzia delle Entrate che lei cita si riferisce a un’altra misura, il contributo a fondo perduto previsto sempre dal dl Rilancio ma dall’articolo 25. Spetta a chi ha fatturato fino a 5 milioni di euro nel 2019 e una perdita di almeno un terzo dei ricavi fra aprile 2019 e 2020. In questo caso, come lei rileva, occorre far riferimento alla data della fattura.

Le confermo che il contributo a fondo perduto spetta anche alle imprese, mentre invece il bonus di maggio riguarda le persone fisiche.