Calcolo TARI parcheggio scoperto

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Giulio chiede

Come viene calcolata la superficie soggetta a TARI di un parcheggio privato (a raso e scoperto): per l’intera superficie o per il numero dei posti auto?

Barbara Weisz risponde

Per prima cosa controlli cosa dice il regolamento comunale per verificare se effettivamente deve pagare: sui posti auto scoperti in molte città non si paga la TARI. Ad esempio, a Milano e Roma le aree scoperte adibite a parcheggio sono esenti da tassazione.

Sui portali dei Comuni è specificato quali sono le categorie di immobili non soggette alla tariffa sui rifiuti e le modalità in cui si applicano. In genere, è online anche un tool che consente di calcolare l’importo della tassa dovuta.

Se la delibera comunale non prevede l’esenzione per le aree scoperte pertinenziali, quali il posto auto condominiale, la TARI va pagata. A confermarlo sono diverse sentenze: un recente pronunciamento della Cassazione (23058/2019) include nella TARI anche le pertinenze non allacciate all’energia elettrica, mentre la Commissione Tributaria Regionale di Roma, quattordicesima sezione (sentenza n. 5726/16) prevede che la TARI sia comunque dovuta sui posti auto scoperti.

=> TARI, più pertinenze e posti auto

In ogni caso, laddove non ci fosse l’esenzione TARI, il calcolo si basa sui metri quadri e non sul numero dei posti auto. Quando la TARI è dovuta, perché mancano specifiche esenzioni locali, per calcolare l’importo si sommano i metri quadri a quelli dell’abitazione principali, moltiplicati per il costo della parte variabile della TARI.