Tratto dallo speciale:

Dichiarazione dei redditi: le novità del 730/2016

di Barbara Weisz

scritto il

Nuove detrazioni al 19%, niente detassazione premi di produttività, bonus IRPEF a 960 euro: queste ed altre novità del 730/2016, cartaceo e precompilato.

Comunicazioni dell’amministratore di condominio, rinnovo detrazioni edilizie, bonus IRPEF in busta paga per l’intero anno (pari a 960 euro): sono alcune delle novità del 730/2016, disponibile in versione definitiva con relative istruzioni di compilazione. Il contribuente, lavoratore dipendente o pensionato, ha a disposizione il modello precompilato ma può scegliere di presentare la dichiarazione dei redditi anche in via cartacea. Fatta questa premessa, analizziamo le quel che cambia rispetto allo scorso anno, sia per il 730/2016 cartaceo sia per il modello precompilato dall’Agenzia delle Entrate.

=> Dichiarazione dei redditi 2016: i modelli definitivi

Novità 730/2016

Partiamo dal recepimento delle novità normative fiscali che confluiscono nel modello di dichiarazione, cartaceo e precompilato.

  • Produttività: nel 2015 non è applicabile la tassazione agevolata sui premi (reintrodotta Legge di Stabilità 2016 per l’anno fiscale in corso), di conseguenza nel modello è stata eliminata la relativa casella (rigo C4 del quadro C).
  • IRPEF: il bonus in busta paga riconosciuto a dipendenti e assimilati è salito da 640 euro a 960 euro, perché nell’anno fiscale 2015 è stato pagato a partire da gennaio. Ricordiamo che usufruiscono del bonus pieno i lavoratori con reddito fino a 24mila euro, sopra cui di riduce fino ad azzerarsi a quota 26mila euro. Attenzione: nel computo della soglia massima rientra la quota di reddito esente prevista per ricercatori e lavoratori rientrati in Italia, mentre si sottraggono le somme erogate a titolo di parte integrativa della retribuzione (anticipo TFR). La parte di reddito esente va segnata nella colonna 4 del rigo C14, la quota TFR nella successiva colonna 5 dello stesso rigo.
  • Detrazioni casa: le detrazioni al 50% per le ristrutturazioni edilizie e il bonus al 65% per gli interventi di riqualificazioni energetica degli edifici sono prorogate. In particolare, il bonus energia – oltre a tutte le fattispecie già previste lo scorso anno – si applica anche per acquisto e posa in opera di schermature solari e impianti di climatizzazione invernali dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • Detrazioni 19%: spese funebri fino a 1.550 per ciascun defunto, indipendentemente dal vincolo di parentela; frequenza scuola per l’infanzia, primo ciclo di istruzione e scuola secondaria di secondo grado per un importo annuo non superiore a 400 euro per alunno o studente; istruzione universitaria (iscrizione ad atenei privati e statali, in quest’ultimo caso con tetto rappresentato dalla quota fissata annualmente per ciascuna facoltà da decreto del ministero;
  • Detrazione 26% per erogazioni liberali in favore di ONLUS fino a 30mila euro annui (l’anno scorso era a 2.065 euro);
  • E’ possibile inviare la comunicazione dell’amministratore di condominio unitamente al modello 730/2016: è stato inserito il quadro K, e bisogna indicare nel frontespizio che è compilato anche tale quadro, barrando l’apposita casella.

730/2016

  • Credito d’imposta arbitrato: nel caso in cui una negoziazione o un arbitrato con lodo finisca positivamente (quindi, con un accordo), è previsto un credito d’imposta commisurato al compenso pagato agli arbitri o agli avvocati fino a un importo massimo di 250 euro. E’ stata aggiunta un’apposita sezione nel quadro G, il credito spettante si inserisce nel rigo G11.
  • 2 per mille IRPEF: aggiunta la possibilità di destinarlo a un’associazione culturale, da scegliere fra quelle iscritte in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri;
  • Dipendenti frontalieri: il limite oltre il quale il reddito di questi lavoratori concorre a formare il reddito complessivo è satato alzato a 7mila 500 euro, dalla precdente soglia di 6mila700 euro;
  • Dipendenti residenti nel comune di Campione d’Italia: esenzione fino a 6mila700 euro per i redditi di lavoro dipendente e pensione prodotti in euro;
  • province autonome di Trento e Bolzano: è riconosciuta la sostituzione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle relative addizionali già prevista per l’IMU, anche per l’IMI (imposta municipale immobiliare Provincia di Bolzano) e l’IMIS (imposta immobiliare semplice Provincia di Trento). Per quanto riguarda la sola provincia di Bolzano, è riconosciuta l‘esenzione IRPEF alle borse di studio corrisposte dall’ente pubblico per la frequenza di corsi di perfezionamento, scuole di specializzazione, corsi di dottorato di ricerca, attività di ricerca post-dottorato, corsi di perfezionamento all’estero.

Novità 730/2016 precompilato

La novità più importante riguarda l’inserimento, da parte dell’Agenzia delle Entrate, delle spese sanitarie per la relativa detrazione IRPEF. Attenzione: per una serie di disguidi relativi alla corretta registrazione e conservazione dei dati da parte delle farmacie, non ci saranno le spese relative a farmaci da banco (mentre il Fisco è in grado di inserire direttamente le spese per i farmaci con ricetta medica). Quindi, il contribuente dovrà inserirsi da sole le spese relative ai farmaci da banco valide per la detrazione.

=> Spese sanitarie 730: farmaci da banco detraibili

Altra novità: saranno inserite direttamente dall’Agenzia delle Entrate anche le detrazioni per spese funebri, iscrizione università, ristrutturazioni edilizie, bonus mobili, bonus energia.

=> 730 precompilato 2016: il calendario fiscale

, modello 730/2016

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito