Tratto dallo speciale:

E-Fatture e corrispettivi elettronici più semplici con FatturAE

di Redazione PMI.it

scritto il

Gestione di corrispettivi e fatture elettroniche gratuita e semplice con l'app FatturAE delle Entrate: ecco come funziona questo utile servizio.

Per semplificare la fatturazione elettronica, l’Agenzia Entrate mette a disposizione dei contribuenti, oltre alla procedura web gratuita, anche un’utile app, denominata “FatturAE“, per la creazione, gestione e conservazione delle e-fatture tra privati (imprese, professionisti, società e così via) e con le Pubbliche Amministrazioni, da gestire attraverso il Sistema di Interscambio (SdI). Vediamo come funziona.

=> Fatturazione elettronica: gli step per il ciclo attivo

App FatturAE: come funziona

La predisposizione e l’invio delle fatture elettroniche al Sistema d’interscambio (SdI) può dunque avvenire in modo pratico e veloce utilizzando l’applicazione per smartphone e tablet FatturAE, compatibile sia con sistemi Android che con Apple iOS e messa a disposizione gratuitamente da parte dell’Agenzia delle Entrate sul proprio sito.

L’app “FatturAE” consente in particolare di:

  • predisporre una fattura ordinaria, semplificata tra privati ovvero una fattura verso la PA (nel caso di fatture tra privati, è disponibile anche un modello predefinito di fattura ordinaria utilizzabile per le cessioni di carburanti);
  • scegliere il modello di fattura (tra cui anche quello per la cessione di carburanti) per decidere quale layout avrà la fattura una volta prodotta (è possibile anche personalizzare la fattura inserendo un logo);
  • inserire e salvare in rubrica i dati anagrafici del cliente, anche attraverso la lettura del suo QR Code, e, in caso di compilazione di una nuova fattura verso lo stesso soggetto, richiamarli automaticamente dalla rubrica stessa visualizzare sullo schermo del dispositivo l’anteprima della fattura prodotta ed eventualmente condividerla attraverso altre applicazioni (Mail, WhatsApp, ecc);
  • controllare preventivamente la presenza di eventuali errori nei dati inseriti in fattura prima di inviarla al Sistema di Interscambio;
  • scegliere dove memorizzare i dati delle fatture generate con l’app, in particolare è possibile farlo sull’account cloud personale (iCloud per iOS o Google Drive per Android) ovvero sulla memoria del dispositivo mobile su cui è stata scaricata l’app;
  • inviare la fattura elettronica al Sistema di Interscambio;
  • importare, visualizzare e inviare una fattura predisposta con un software diverso dall’app;
  • visualizzare lo stato di adesione/revoca all’accordo di servizio per l’invio delle fatture elettroniche in conservazione;
  • accedere al portale “Fatture e Corrispettivi” per consultare le fatture emesse e ricevute ovvero le ricevute di consegna, scarto o impossibilità di recapito delle fatture emesse;
  • consultare l’area info e assistenza.

Dunque un servizio molto utile e completo, al quale si può accedere anche in mobilità ovunque ci si trovi. Da sottolineare però che l’app FatturAE può essere utilizzata solo da operatori IVA ditte individuali e lavoratori autonomi.

=> App corrispettivi elettronici: le migliori da scaricare

Fatture e Corrispettivi

Le società non possono utilizzare l’app FatturAE, ma possono invece ricorrere alla sopracitata procedura web all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia delle Entrate, oppure alla procedura stand alone, scaricabile sempre dal sito istituzionale dell’Amministrazione finanziaria.

Tramite il Fatture e corrispettivi è possibile:

  • generare, trasmettere e conservare le fatture tra privati e verso la PA;
  • trasmettere i dati delle fatture attive e passive all’Agenzia;
  • memorizzare elettronicamente e trasmettere per via telematica all’Agenzia, i dati dei corrispettivi elettronici;
  • censire e attivare i dispositivi, ottenere i certificati da inserire negli stessi, per la memorizzazione e trasmissione telematica sicura dei dati dei corrispettivi.

=> Fatture e corrispettivi in un click: tool e app

Ricordiamo che per accedere al software gratuito “Fatture e Corrispettivi” per gestire la fatturazione elettronica tra privati e accedere ai servizi per la generazione, trasmissione e conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche e i dati corrispettivi, bisogna essere in possesso, in alternativa, delle credenziali:

  • PIN Agenzia Entrate accesso servizi telematici;
  • SPID.

Ovviamente è anche possibile rivolgersi ad un intermediario abilitato.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso