Tratto dallo speciale:

Saldo e stralcio per i debiti INPGI

di Redazione PMI.it

scritto il

Saldo e stralcio dei debiti contributivi anche per le casse professionali: in corso di lavorazione le domande INPGI presentate entro fine luglio.

Ok al saldo e stralcio per gli iscritti alla gestione INPGI, la cassa previdenziale dei giornalisti. Con nota 125/2019 il Ministero del Lavoro ha approvato la delibera 10 con cui l’INPGI 2 ha aderito all’estinzione agevolata dei debiti contributivi di cui all’art.1, comma 185-198, legge 145/2018, misura di pace fiscale che la manovra 2019 ha previsto peri debiti INPS.

Il Decreto Crescita ha poi esteso il saldo e stralcio ai debiti derivanti dall’omesso versamento dei contributi dovuti dagli iscritti alle casse professionali, previe apposite delibere delle medesime casse (articolo 16 quinquies dl 34/2019).

=> Saldo e stralcio: requisiti ISEE, aliquote di condono, modelli di domanda

In pratica, la cassa professionale dei giornalisti ha aderito all’agevolazione che consente di sanare i debiti contributivi.

La domanda andava tuttavia presentata entro luglio. Quelle presentate validamente entro i termini sono state trasmesse all’Istituto dall’Agente della Riscossione e, sottolinea l’INPGI, «saranno istruite nei prossimi giorni dagli uffici».

Il saldo e stralcio, lo ricordiamo, consente di sanare i debiti (in questo caso, contributivi) dal 2000 al 2007, pagando aliquote ridotte in base al reddito. La misura è destinata a persone con ISEE fino a 20mila euro.

Le aliquote:

  • ISEE fino a 8mila 500 euro: 16%;
  • ISEE fra 8mila500 e 12mila500 euro: si paga il 20%;
  • ISEE sopra i 12mila 500 euro (entro 20mila euro): si paga il 35%.