Human (R)evolution in azienda: guida pratica

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Progetto “weconomy”: il quarto Quaderno di cultura d’impresa di Logotel spiega come innovare la gestione delle Risorse Umane in azienda, come volano per la ripresa economica.

Le risorse umane rivestono un ruolo cruciale per il superamento della crisi economica, anche nell’era digitale.

Puntare sulla Human (R)evolution in azienda può contribuire ad avviare un processo di trasformazione nelle aziende, trainandone la ripresa economica.

=>Le nuove HR per contribuire al business aziendale

Per comprendere come mettere in moto questo meccanismo nel concreto, la service design Logotel – nell’ambito del progetto “Weconomy” nato nel 2010 per diffondere la cultura d’impresa – ha dedicato a questo tema un Quaderno ad hoc.

Il Quaderno è scritto da 29 co-autori: startupper, manager, scienziati, e così via, che propongono il punto di vista di ciascuna categoria.

=> Leggi come misurare il rendimento delle risorse umane

Il Quaderno si sviluppa in tre capitoli che rappresentano le tre dimensioni della vita aziendale di un lavoratore, definiti i tre “pilastri della saggezza”:

  • individuale (“ME”), nella quale il lavoratore trova il suo equilibrio tra identità personale e professionale, migliora la propria formazione, acquisisce nuovi skills e competenze;
  • relazionale (“ME+ME”), che può essere potenziata grazie agli strumenti tecnologici di networking possono potenziare;
  • esterna (“ecosistema” del WE),focalizzata sulla soddisfazione e valorizzazione della persona.

=> Scopri come motivare le Risorse Umane: i metodi pratici

Il Quaderno si apre con la tesi che fa da filo conduttore all’intero report, evidenziata da Cristina Favini Strategist & Manager of Design Logotel: “L’urgenza è innovare gli strumenti di gestione, governo e formazione delle persone, coinvolgerle in un processo continuo, intriso di senso, fatto da momenti di formazione, auto-formazione, scambio collettivo e learning by doing”.

I Quaderni sono liberamente scaricabili dal sito weconomy.it