Bollette: obbligo di conciliazione per le controversie

di Teresa Barone

7 Giugno 2023 09:29

Servizio Conciliazione gratuito online a disposizione sul sito AREA: obbligatorio dal 30 giugno 2023 per le controversie con il fornitore sulle bollette.

Dal 30 giugno 2023 l’attività del Servizio Conciliazione messo a disposizione da ARERA coinvolge anche i settori idrico e telecalore, offrendo agli utenti uno sportello online gratuito per tentare la risoluzione delle controversie con i fornitore prima di rivolgersi al giudice.

Questa prassi, infatti, diventa obbligatoria a partire dalla fine del mese e solo in caso di insuccesso della conciliazione sarà necessario rivolgersi al giudice, mentre un accordo tra le parti avrà titolo esecutivo.

Il servizio, attivo dal 2017 solo per l’energia elettrica e il gas, ha visto raddoppiare le domande di conciliazione nell’arco di sei anni, passando da oltre 10 mila a circa 21 mila l’anno e raggiungendo nel 2022 un tasso di risoluzione positiva del 69%.

Solo nel 2022, inoltre, clienti e utenti, domestici e non, hanno risolto le controversie con i fornitori di luce, gas, acqua e telecalore grazie al Servizio Conciliazione di ARERA risparmiando 21 milioni di euro.

È possibile accedere al Servizio Conciliazione per le problematiche riguardanti la fatturazione, i consumi, i pagamenti e le richieste risarcitorie, mentre sono escluse le tematiche relative al bonus idrico e quelle non previste dal Testo Integrato sulla Conciliazione (TICO), ad esempio le questioni di natura tributaria o fiscale.

Per utilizzare il servizio è possibile accessibile al sito web conciliazione.arera.it, identificandosi con SPID o CIE, anche tramite un delegato.  È anche disponibile la App Servizio Conciliazione che consente di accedere al sistema da un dispositivo mobile.

Le domande possono essere presentate una volta decorsi 50 giorni dall’invio del reclamo per il settore idrico e 40 giorni per il telecalore.