Tratto dallo speciale:

Bonus edilizi, Cdm blocca cessione crediti e sconto in fattura: cosa cambia

di Redazione PMI.it

Decreto Legge sui crediti per i bonus edilizi: addio cessione e sconto in fattura, nuove regole sulla responsabilità solidale, cosa resta e cosa cambia.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge che prevede lo stop a sconto in fattura e cessione di crediti edilizi. Dall’entrata in vigore del decreto, coloro i quali decideranno di intraprendere un progetto con interventi agevolabili, non potranno più utilizzare le due opzioni al posto della detrazione in dichiarazione dei redditi. Si salvano soltanto i lavori in corso e per i quali era già stata presentata la Cila.

Abrogazione cessione e sconto in fattura

Il DL riguarda gli interventi in materia di recupero patrimonio edilizio, efficienza energetica e Superbonus, misure antisismiche, facciate, impianti fotovoltaici, colonnine di ricarica e barriere architettoniche.

Nello specifico, si abrogano le norme che permettevano l’utilizzo della cessione dei crediti fiscali relativi a spese per interventi:

  • di riqualificazione energetica e di ristrutturazione importante di primo livello (prestazione energetica) per le parti comuni degli edifici condominiali, con importo dei lavori pari o superiore a 200.000 euro;
  • di riduzione del rischio sismico sulle parti comuni di edifici condominiali o nei comuni ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3, mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, che provvedano alla successiva alienazione dell’immobile.

Cessioni alla PA

Per i crediti già maturati, non sarà più consentito l’acquisto da parte delle pubbliche amministrazioni (divieto di essere cessionarie di crediti edilizi) e non sarà più consentita la prima cessione a specifiche categorie di spese.

Responsabilità in solido

Con il nuovo DL, si esclude la responsabilità in solido:

  • per il fornitore che ha applicato lo sconto,
  • per i cessionari che hanno acquisito il credito per opere realizzate e comprovate da apposta documentazione;
  • per i soggetti diversi dai consumatori o utenti che acquistano i crediti da una banca o società del gruppo sue correntiste in possesso di apposita documentazione.

Il mancato possesso della documentazione non costituisce comunque causa di responsabilità solidale: il cessionario può fornire con ogni mezzo la prova della propria diligenza o non negligenza.