Lavoro e famiglia: Sacconi propone telelavoro, part-time e detassazione

di Anna Fabi

scritto il

Il Ministro Sacconi ha consegnato alle parti sociali la bozza delle linee guida per la conciliazione famiglia e lavoro

Lavoro e famiglia possono coesistere con telelavoro invece che congedi parentali o facoltativi, banca ore, orari flessibili per le madri che lavorano, fino ai 3 anni del bambino, e part-time fino al compimento dei 5 anni: sono le linee guida presentate dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi alle parti sociali, in vista del prossimo Tavolo per la conciliazione famiglia lavoro, in via di programmazione per il 7 marzo (o anche un simbolico 8 marzo).

Per tutte le misure per concilaiare lavoro e famiglia è prevista detassazione al 10%.

Flessibilità per chi ha famiglia, anche per il lavoratore padre (fermo restando per tutti il monte orario complessivo previsto dalla contrattazione collettiva di riferimento).
Nella bozza Sacconi sono previsti orari flessibili anche per assistere genitori e familiari (semestralmente o annualmente), purchè si rispettino gli impegni contrattuali.

«Lo snodo centrale è nell’evoluzione della contrattazione collettiva, che deve farsi carico delle esigenze della famiglia ricercando e implementando soluzioni innovative che possano agevolare la cura dei bambini e degli anziani e contribuire alla realizzazione di ambienti e contesti lavorativi tali da garantire la piena conciliazione delle responsabilità lavorative e di quelle famigliari per le donne e gli uomini».

Sacconi propone dunque di «incentivare un maggiore utilizzo, su base volontaria e compatibilmente con le esigenze aziendali, del telelavoro e delle tipologia contrattuali a orario ridotto, modulato e flessibile (part-time, lavoro ripartito e lavoro intermittente».

Oltre a questo,sarebbero promossi i permessi non retribuiti al dipendente in caso di malattia del figlio entro i primi otto anni di vita, e buoni lavoro (da parte del datore di lavoro) ai dipendenti per lo svolgimento di prestazioni di lavoro occasionale, per aiutare economicamente chi non può assentarsi dal lavoro e così non può prendersi cura di casa e famiglia, dovendo affidarsi a baby-sitter e colf.

____________________

Leggi anche:

_____________________