Tratto dallo speciale:

Partite IVA rivoluzionate dopo Riforma Lavoro e nuove Srl

di Barbara Weisz

scritto il

Scoraggiate dalla Riforma del Lavoro le nuove Partite IVA di persone fisiche, mentre aumentano quelle aperte da società di capitali, incentivate dalle nuove Srl a un euro: l'Osservatorio 2013.

La Riforma del Lavoro e le nuove Srl (a un euro e start up innovative) iniziano a produrre effetti sulle nuove Partite IVA in Italia, soprattutto per quanto riguarda la natura giuridica: diminuiscono le persone fisiche (-13%) e aumentano le società di capitali (+8,65%).

=> Leggi tutto sulle Partite IVA

Lo si rileva dai dati di febbraio dell’Osservatorio sulle partite IVA del Dipartimento delle Finanze. Le aperture sono state 50.759, con una flessione del 9,4% rispetto a febbraio 2012.

Persone e società

Per quanto riguarda le persone fisiche, si rileva un effetto della Riforma del Lavoro, che stringe i paletti per le partite IVA che mascherano rapporti di lavoro subordinato. Guardando all’andamento delle aperture si vede in effetti come il trend sia cambiato dall‘estate 2012, quando è entrata in vigore la riforma.

=> Leggi come si applica la Riforma del Lavoro alle Partite IVA

Viceversa, le società di capitale aumentano, in particolare dall’autunno, quando hanno iniziato a produrre effetti le norme sulla possibilità di aprire Srl a un euro.

=>Scopri come aprire una Srl a un euro

Il panorama italiano

Tornando alle Partite IVA aperte in febbraio, la ripartizione territoriale vede il 43,3% al Nord, il 22,8% al Centro e circa il 34% al Sud ed Isole. Rispetto a febbraio 2012, solo pochi territori hanno resistito al calo generalizzato delle aperture: tra di essi Molise (+20%), Valle d’Aosta, Marche, Abruzzo. Flessioni superiori al 10% si registrano invece in Liguria, Campania e Calabria.

=>Confronta con l’impatto del Regime dei Minimi sulle Partite IVA

Infine, la classificazione per settore produttivo: in testa resta il commercio, con il 24% delle nuove Partite IVA, seguito dalle attività professionali (oltre il 16%), edilizia ed agricoltura.

In termini relativi vi è un calo generalizzato, con un unico settore in attivo, alloggio e ristorazione (+7,9%), mentre flessioni decise riguardano le professioni e l’edilizia, oltre il 17%.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti