Tratto dallo speciale:

Il pacchetto Lavoro nella Legge di Stabilità 2016

di Barbara Weisz

scritto il

Sconto contributivo assunzioni, tassazione agevolata premi produttività, deduzione IRAP lavoro occasionale, rientro cervelli, conciliazione lavoro famiglia: il pacchetto Lavoro in Legge di Stabilità 2016.

Se i capitoli più rilevanti della Legge di Stabilità 2016 per il mondo produttivo riguardano sconti fiscali alle imprese e incentivi sugli investimenti, c’è anche un pacchetto lavoro che, seppur meno nutrito rispetto a quello dello scorso anno (che fra le altre cose aveva reso strutturale il bonus in busta paga di 80 euro), procede sulla stessa linea: proroga in misura ridotta degli incentivi contributivi per le assunzioni a tempo indeterminato, tassazione agevolata dei premi di produttività, deducibilità IRAP per il lavoro stagionale. E ci sono novità per il rientro dei cervelli, un nuovo bonus in busta paga per i rappresentanti delle forze dell’ordine, tante misure di conciliazione lavoro famiglia. Vediamo tutto.

=> Legge di Stabilità 2016, sintesi delle misure

Incentivi assunzioni

Prorogato al 2016 lo sconto contributivo sulle nuove assunzioni a tempo indeterminato, ma limitato al 40% fino a un tetto massimo di esonero pari a 3mila 250 euro, e valido per due anni (l’anno scorso era al 100% fino a 8mila 40 euro, e per tre anni): la misura è prevista dai commi da 178 a 181 della Legge di Stabilità, legge 208/2015. L’agevolazione si applica ai contratti stipulati fra il primo gennaio e il 31 dicembre 2016. Restano esclusi i premi e contributi INAIL. Lo sconto non si applica a lavoratori per i quali è già stato utilizzato il beneficio assunzioni 2015, mentre si estende al datore di lavoro che subentra nella fornitura in appalto.

=> Stabilità 2016: come funziona il bonus assunzioni

Premi di produttività

Torna la tassazione agevolata sui premi di produttività, con imposta sostitutiva al 10%: la norma è prevista dai commi da 182 a 191. Il limite di importo del premio di produttività è pari a 2mila euro lordi, e sale a 2mila 500 euro nelle imprese che coinvolgono i lavoratori nell’organizzazioni del lavoro, in base a criteri che saranno fissati da apposito decreto ministeriale previsto entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità, quindi entro il primo marzo 2016. Il premio di produttività è una parte della retribuzione legata a incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione, misurabili e verificabili sulla base di criteri precisi, che verranno stabiliti dal decreto del ministero del Lavoro. Fra le novità di maggior rilievo, nella determinazione del premio di produttività si calcola anche il periodo obbligatorio di congedo di maternità. L’imposta al 10% si applica anche alle forme di partecipazione agli utili dell’impresa.

=> La detassazione premi di produttività 2016

Rientro dei cervelli

I lavoratori che erano andati all’estero e sono tornati a trasferirsi in Italia entro il 31 dicembre 2015 hanno un beneficio fiscale per i biennio 2016-2017: si tratta della detassazione fra il 70 e l’80% prevista dalla legge 238/2010. In base a quanto previsto dal comma 259 della Legge di Stabilità, questi lavoratori possono in alternativa applicare un’altra agevolazione per il rientro dei cervelli, il regime agevolato previsto dall’articolo 16 del Dlgs 147/2015 (imponibile al 70%).

IRAP

Il comma 73 della manovra estende la deduzione IRAP al lavoro stagionale: deduzione al 70% si applica a ogni lavoratore stagionale impiegato per almeno 120 giorni per due periodi d’imposta, a decorrere dal secondo contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro nell’arco di due anni a partire dalla data di cessazione del precedente contratto.

Congedo di paternità

Il comma 205 della manovra raddoppia a due giorni il congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente, da utilizzare nei primi cinque mesi dalla nscita del figlio, anche non consecutivamente. Viene anche prorogata per il 2016 la norma inserita nella manovra 2015 relativa ai due giorni di congedo facoltativo, in alternativa alla madre. In tutti i casi, la contribuzione figurativa, al 100%, è a carico dell’INPS.

=> Conciliazione lavoro-famiglia in Legge di Stabilità 2016

Altre misure per il lavoro

  • gestione separata INPS: l’aliquota 2016 resta al 27% per autonomi titolari di partita IVA, mentre per collaboratori e altri autonomi obbligati alla gestione separata sale al 31%;
  • pubblico impiego: paletti sul turn over e limiti di spesa nuove assunzioni, commi 227 e 228, e fondi (300 milioni) per i rinnovi contrattuali, commi 466 e 467:
  • part-time per la pensione: è una possibilità riservata a chi matura il requisito pensionistico entro il 31 dicembre 2018 (e si trova quindi a un massimo di tre anni dalla pensione), contenuta nel comma 284: è necessario un accordo fra dipendente e datorte di lavoro, si tratta di un part-time fra il 40 e il 60%, a condizioni favorevoli per il dipendente (oltre al stipendio part-time, prende in busta una somma corrispondente ai contributi pieni), e con diritto, al termine dle periodo, alla pensione piena;
  • 80 euro alle forze dell’ordine: per il 2016 c’è un bonus di 80 euro al mese, 960 euro in totale, per tutti gli esponenti delle forze dell’ordine. Il provvedimento è inserito nel pacchetto sicurezza e cultura inserito dopo gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015.;
  • ammortizzatori sociali: DIS-COLL ai collaboratori per tutto il 2016, rifinanziamento ammortizzatori in deroga.

I Video di PMI

Incentivi auto ed ecotassa 2019-2021