Tratto dallo speciale:

Elezioni 2013: soluzioni per la crescita delle imprese

di LavoroImpresa

scritto il

Campagna elettorale agli sgoccioli: gli Italiani sono chiamati alle urne per scegliere il nuovo Governo, ossia la squadra politica deputata ad azionare l'acceleratore per la ripresa economica.

I candidati presentano programmi ricchissimi negli argomenti ma poveri nei contenuti, millantano ricette e soluzioni per condurre l'Italia fuori dalla crisi – ma perché non ci hanno pensato prima? – con la maestria di giocolieri e illusionisti.

=> Vai allo speciale elezioni politiche 2013

Peccato che il trucco del coniglio è vecchio quanto il mondo e gli Italiani sembrano stanchi di questi finti incantesimi.

Abbiamo accettato le imposizioni dell'Unione Europea e della Germania con spirito di sacrificio, abbiamo sopportato manovre da lacrime e sangue, abbiamo allungato i tempi per andare in pensione, abbiamo rinunciato alle vacanze per versare fino all'ultimo centesimo di tasse all'Erario.

=> Leggi: elezioni 201, liste Monti, Bersani e Berlusconi a confronto

Ci siamo privati di parecchie cose e, se è vero che ad ogni rinuncia corrisponde una contropartita considerevole, aver contribuito a salvare l'Italia comporterebbe la promessa che da ora in avanti la crescita è assicurata.

Già , la crescita: questa sconosciuta nei programmi, focalizzati piuttosto su promesse strappa-voti: abolizione IMU tassando i capitali detenuti nelle banche elvetiche (servirebbero anni per raggiungere un accordo), condono tombale a vantaggio dei soliti evasori e così via.

Occorre puntare alla crescita nel modo più immediato ed efficiente possibile, cominciando dallo snellimento della burocrazia (per ottenere un DURC le imprese attendono anche 30 giorni) e dalla promozione dell’Export (è proprio necessario avere l'euro a 1,35 contro il dollaro?) Un super euro zavorra le esportazioni).

Proposte semplici, concrete. Con cui comprare qualche voto in meno ma aiutare un po’ di più l’economia del Paese.

I Video di PMI