Le scadenze fiscali del 15 marzo p.v.

di Roberto Grementieri

scritto il

Di seguito le principali scadenze fiscali da assolvere entro il 15 marzo p.v.

Fatturazione differita
Entro il 15 marzo p.v. dovranno essere emesse e registrate le fatture differite e relative a beni consegnati o spediti nel mese precedente e risultanti da documenti di accompagnamento.
La registrazione deve avvenire con riferimento al mese di effettuazione e deve avvenire nel registro delle vendite o dei corrispettivi.

La sanzione amministrativa prevista in caso di violazione dell’obbligo di fatturazione e registrazione varia dal 100% al 200% dell’IVA relativa al corrispettivo non documentato/registrato con un minimo di Euro 516,00.

In caso di violazione dell’obbligo per operazioni non imponibili ovvero esenti la sanzione varia 5% al 100% dei corrispettivi non documentati/registrati con un minimo di Euro 516,00.

Per quanto riguarda la registrazione con indicazione di un’imposta inferiore a quella dovuta la sanzione varia dal 100% al 200% dell’imposta non documentata, con un minimo di Euro 516,00.

Per l’omesso o insufficiente versamento periodico la sanzione è pari al 30% dell’importo non versato.

Per l’emissione di fatture per operazioni inesistenti è prevista, inoltre, la reclusione da 1 e 6 mesi a 6 anni. Se l’importo è inferiore a Euro 154.937,07 per periodo d’imposta, si applica la reclusione da 6 mesi a 2 anni

Registrazione dei corrispettivi
Entro il 15 marzo p.v. dovranno essere registrate le operazioni effettuate nel mese precedente per le quali sono stati rilasciati lo scontrino o la ricevuta fiscale.
Tenuti alla registrazione sono i commercianti al minuto e soggetti assimilati.

Le sanzioni per la violazione dell’obbligo coincidono con quelle previste per la registrazione delle fatture differite.