Tratto dallo speciale:

APE Volontario, requisiti 2019

di Barbara Weisz

scritto il

Non bastano 63 anni per l'APE Volontario, bisogna calcolare i cinque mesi in più dal 2019 per il requisito dei tre anni e sette mesi dalla pensione di vecchiaia: esempi e calcolo.

I cinque mesi di adeguamento alle aspettative di vita che dal 2019 portano l’età pensionabile a 67 anni devono essere considerati da chi chiede l’APE Volontario, ai fini del requisito dei tre anni e sette mesi dalla pensione di vecchiaia. La precisazione è contenuta nella circolare INPS 28/2018, che fa chiarezza su un punto controverso relativo al requisito anagrafico per il trattamento di anticipo sulla pensione, al momento applicabile fino al 31 dicembre 2019.

=> L’APe volontaria è partita, domande aperte

Scatti 2019 e 2021

Il requisito anagrafico è pari a 63 anni. Ma non devono mancare più di tre anni e sette mesi all’età della pensione di vecchiaia, considerando anche gli scatti per adeguamento alle aspettative di vita, ossia cinque mesi in più dal 2019.

Nel 2021 è previsto un nuovo adeguamento alle aspettative di vita, ma siccome non è ancora stato quantificato non si calcola ai fini del diritto all’APE. Dal 2021 in avanti, quindi, i mesi in più non si calcolano ai fini del requisito anagrafico ma aumenteranno la durata del trattamento oltre i 43 mesi, ma bisogna esercitare l’opzione quando si presenta la domanda di APe. Questo perché, in base alla durata dell’APE, si calcola l’ammontare totale del beneficio e quindi le rate di restituzione.

Tutti coloro che chiedono un anticipo pensionistico con un termine successivo al primo gennaio 2021, vedranno invece allontanare la data di età pensionabile.

=> APe volontaria, come fare domanda

Età pensionabile

Ricordiamo che il requisito per la pensione di vecchiaia è pari a 66 anni e sette mesi nel 2018 e a 67 anni nel 2019, in entrambi i casi per tutte le categorie di aventi diritto (dipendenti, iscritti alla gestione separata, altre gestioni INPS).

REQUISITO ANAGRAFICO IN CIASCUNA FORMA ASSICURATIVA

 PERIODO  FPLD e forme sostitutive AGO  Gestioni speciali autonomi e Gestione separata
(art. 2, comma 26, legge 335/95)
 Forme esclusive AGO
donne uomini donne uomini donne / uomini
dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 65 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 66 anni e 1 mese 66 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi
dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 66 anni e 7 mesi
dal 1° gennaio 2019 67 anni

Esempi

Facciamo una serie di esempi pratici tenendo conto del fatto che, dalla prima data utile per la presentazione della domanda di APE Volontario, non possono mancare più di tre anni e sette mesi alla pensione di vecchiaia.

  • Data di nascita primo marzo 1954: lavoratore che ha compiuto i 63 anni nel 2017. La pensione di vecchiaia scatta il primo aprile 2021. I tre anni e sette mesi partono il primo agosto 2017. Può chiedere l’APe con effetto retroattivo dal primo agosto 2017 presentando domanda di certificazione del diritto entro il 18 aprile 2018.
  • Data di nascita primo marzo 1955: il 63esimo compleanno cade nel marzo 2018. A partire da questa data si può presentare domanda all’INPS. La pensione di vecchiaia matura il primo aprile 2022. La prima decorrenza utile per l’APe (tre anni e sette mesi prima) è il primo settembre 2018.
  • Data di nascita primo marzo 1956: nel marzo del 2019, a 63 anni, può presentare domanda di APe. La pensione di vecchiaia matura nell’aprile 2023. La prima decorrenza per l’APe è il primo settembre 2019.
  • Data di nascita 31 luglio 1956: è l’ultima data di nascita possibile per avere diritto all’APe, i nati successivamente non riescono a maturare il diritto nei termini.

=> APe volontaria, guida al simulatore online

Ricordiamo infine che è prevista anche una durata minima dell’APe, pari a sei mesi. Chi è già vicino all’età pensionabile nel momento in cui presenta la richiesta di certificazione del diritto deve rispettare la prima data di decorrenza utile, superarla significa maturare la pensione di vecchiaia prima dei sei mesi necessari e quindi non rientrare nei requisiti minimi.

Fonte: Circolare INPS