UE: prestiti negati a una Pmi su cinque

di Redazione PMI.it

scritto il

Le banche non concedono facilmente prestiti alle Pmi, nonostante le tante dichiarazioni d'intenti

Senza mezzi termini, il Commissario all’Industria Antonio Tajani ha espresso in sede UE a Bruxelles l’enorme disagio delle Pmi italiane, vessate dalla crisi e penalizzate dalle banche: ad un’impresa su cinque è negato il prestito bancario richiesto e l’83% delle banche ha mantenuto inalterati i consueti rigidi standard creditizi.

Sono i dati di aprile 2010 della stessa Commissione UE e della Banca Centrale Europea a confermarlo.

«Le condizioni di credito applicate dalle banche sono ancora restrittive, ha dichiarato Tajani, proponendo di fare del Forum sulla Finanza per le Piccole e medie imprese una sede di incontro e dialogo preferenziale per sostenere le istante delle Pmi dinanzi alle istituzioni finanziarie.

Il punto centrale è capire che il calo della domanda di prestiti – oltre che le concessioni – non è che la cartina al tornasole della crisi della produttività: non si chiedono prestiti perchè non si hanno le basi per fare business.

Dinanzi a questo scenario, i prestiti bancari non solo non vanno negati ma, anzi, vanno incentivati in tutti modi e finanche “pubblicizzati”, come traino forte e stabile alla ripresa economica, che necessariamente passa per un solido ritorno agli investimenti.

L’alternativa è lo stallo tecnico dell’economia, ossia il blocco dell’intero sistema economico.

I Video di PMI

Resto al Sud per giovani imprenditori