Imprenditoria femminile: come richiedere gli incentivi

di Noemi Ricci

scritto il

Incentivi e bandi per l'imprenditoria femminile: tutto quello che c'è da sapere per richiedere le agevolazioni e non perdere importanti opportunità.

L’Italia è seconda in Europa per richiesta di incentivi all’imprenditoria femminile: il Ministero per lo Sviluppo Economico e i vari enti locali mettono a disposizione ogni anno fondi speciali attivando bandi per la nascita di imprese avviate da donne, in attuazione della Legge 215/1992, che di volta in volta si declinano a livello locale.

=>Scopri tutti gli incentivi nazionali e locali per l’imprenditoria femminile

Bandi

I bandi possono attivati a livello nazionale o locale, sono suddivisi per macro settori (agricolo, manifatturiero, commerciale, turismo o servizi) e pubblicati insieme alle linee guida che ne definiscono i criteri di valutazione, sulla base dei quali vengono stilate le graduatorie di accesso ai finanziamenti, pubblicate in Gazzetta Ufficiale entro 90 giorni dalla chiusura dei bandi.

Le valutazioni che prendono in considerazione il tipo di progetto imprenditoriale, l’ubicazione territoriale, le risorse economiche necessarie, l’eventuale collegamento con progetti di sviluppo territoriali e il settore di riferimento.

Requisito di base è la prevalenza femminile in azienda:

  • titolarità per le ditte individuali;
  • almeno il 60% dei soci donne per società di persone e cooperative;
  • almeno 2/3 di quote detenute da donne per le società di capitali, il cui organo di amministrazione deve essere composto da donne per almeno i 2/3.

L’impresa beneficiaria deve essere una PMI con meno di 50 dipendenti, con fatturato inferiore a 7 milioni di euro o un attivo di stato patrimoniale inferiore ai 5 milioni di euro, non partecipata per il 25% o più da una o più imprese, anche congiuntamente, di dimensione superiore.

=> Consulta i bandi aperti a livello regionale

Agevolazioni

Oltre ai bandi di finanziamento per l’avvio di start-up femminili, esistono altre forme di incentivo all’imprenditoria femminile: acquisizione di attività preesistenti; introduzione di qualificazione e innovazione di prodotto, tecnologica o organizzativa; ampliamento e ammodernamento dell’attività; inziative per la formazione in azienda.

Come fare domanda

Le agevolazioni concesse possono essere erogate sotto forma di contributo a fondo perduto, credito d’imposta o finanziamento agevolato.

Per l’accesso all’agevolazione o al finanziamento, è necessario presentare domanda: indicando le informazioni principali sull’impresa e sul programma di investimento; fornendo l’attestato di iscrizione presso il registro delle imprese; allegando certificazione atta a dimostrare il possesso dei locali dove esercitare l’attività e la relativa destinazione.

Siti di riferimento

Per non perdere interessanti opportunità è consigliabile consultare periodicamente i siti:

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito