Mutui agevolati per dipendenti e pensionati: come accedere

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Mutui: come chiedere all'INPS un finanziamento agevolato sia a tasso fisso che a tasso variabile, con spread più bassi di quelli di mercato, ma solo per dipendenti e pensionati.

La difficile congiuntura economica può portare imprese, dipendenti e pensionati a  chiedere un prestito bancario o un mutuo per far fronte al bisogno di liquidità.

Sul fronte dei mutui, questo 2013 non è iniziato in maniera molto diversa da come si è chiuso il 2012: gli spread restano in media al 3,5% per i mutui a tasso variabile e al 4% per i mutui a tasso fisso.

Percentuali ben superiori a quelle che si erano registrate nel 2011, quando c’erano mutui che venivano stipulati anche con spread applicati dalle banche inferiori all’1%.

=>Leggi la proroga sulla moratoria mutui PMI

La causa è delle difficoltà di accesso al credito interbancario, ovvero da parte delle stesse banche, che ha ovviamente conseguenze sui clienti finali.

Tra coloro che possono accedere a mutui agevolati ci sono i dipendenti pubblici ed i pensionati, chiedendo un finanziamento all’INPS (Gestione ex INPDAP).

I mutui per l’acquisto dell’immobile usato come prima casa, per dipendenti pubblici e pensionati prevedono infatti un tasso fisso del 3,75% e tassi variabili dell’1,23% (con spread al 0,9%).

=>Calcola le nuove tasse sui mutui

Il mutuo INPS può avere una durata variabile tra i 10 ed i 30 anni, per un importo massimo di 300mila euro, che può coprire fino al 100% del valore dell’immobile (stabilito da un perito).

Per i dipendenti è richiesto un contratto a tempo indeterminato e per i pensionati l’iscrizione da almeno 3 anni alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.

In entrambi i casi l’«iscritto o i componenti il nucleo familiare non devono risultare proprietari di altra abitazione in tutto il territorio nazionale».

=> Leggi gli effetti sui mutui del taglio dei tassi

Le domande di accesso al mutuo devono essere inviate dal 1° al 10 di gennaio, maggio o settembre di ogni anno, all’Ufficio Provinciale o Territoriale INPS Gestione ex INPDAP competente.

Il mutuo verrà concesso, a patto di rispettare i requisiti richiesti, fino ad esaurimento dei fondi assegnati ogni quadrimestre alla Direzione regionale: 800 milioni di euro per il 2013, suddivisi su base Regionale.

I Video di PMI

Calcolo ISEE: simulatore INPS online