Aiuti PAC in agricoltura: proroga scadenza al 31 luglio 2024

di Teresa Barone

26 Giugno 2024 10:54

logo PMI+ logo PMI+
Domanda unificata di aiuti PAC 2024 e richiesta di pagamento prorogate al 31 luglio: le nuove regole per gli incentivi UE alle imprese agricole.

Slitta al 31 luglio 2024 il termine ultimo per presentare la domanda unificata per gli aiuti PAC destinati alle imprese agricole relative all’anno in corso. Lo prevede un decreto del Ministero dell’agricoltura in discussione presso la Conferenza Stato Regioni.

Per l’anno di domanda 2024, il termine per la presentazione della domanda unica di cui all’articolo 11, comma 4, del decreto del Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste 23 dicembre 2022, ed il termine ultimo per la presentazione delle domande di aiuto e di pagamento per gli interventi a superficie e a capo dello sviluppo rurale di cui all’articolo 7 del decreto del Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste 9 marzo 2023, sono posticipati al 31 luglio 2024.

Proroga aiuti PAC 2024

Si tratta dello schema di decreto di attuazione del regolamento UE 2024/1468 che introduce una semplificazione di specifiche norme della PAC 2023-2027, varando anche nuoti termini di presentazione delle domande di aiuto per l’anno 2024.

La Commissione Europea si propone di andare incontro alle esigenze degli agricoltori già dall’anno 2024, offrendo una maggiore flessibilità nello svolgimento delle attività agricole tenendo conto delle sfide crescenti, delle condizioni meteorologiche imprevedibili e delle incertezze economiche.

=> Aiuti PAC in Agricoltura: meno vincoli sui terreni a riposo

La data di scadenza di presentazione delle domande PAC sarebbe fissata al 1° luglio 2024, con la pssibilità di presentare domande fino al 26 luglio 2024, secondo uno schema progressivo di penalità:

  • Domande iniziali – con l’applicazione di una penalità del 1% al giorno
  • Domande di accesso alla riserva – con l’applicazione di una penalità del 3% al giorno
  • Domande di modifica a domande iniziali presentate nei termini – nessuna penalità applicata
  • Domande di modifica a domande iniziali presentate in ritardo – applicazione della penalità alla data della modifica
  • Domande di Trasferimento Titoli – Nessuna penalità

Le novità della domanda

In base all’aggiornamento del decreto, si sposta la data ultima al 31 luglio 2024 ma si elimina la possibilità di fruire degli ulteriori 25 giorni senza penalità per le richieste di modifica della domanda iniziale presentate oltre il termine.

Alle richieste di modifica della domanda iniziale inoltrate successivamente alla scadenza stabiliti per la trasmissione delle istanze si applicano esclusivamente regole relative all’aumento dell’entità o del pagamento rispetto a quello spettante per la domanda presentata nei termini.

=> Aiuti PAC in Agricoltura: regole di domanda

Per quanto riguarda il pagamento del livello 1 dell’Ecoschema 5, il Masaf ha deciso di ammettere per il 2024 solo i beneficiari con superficie a seminativi superiore ai 10 ettari.

Altre novità:

  • modifiche sugli elementi caratteristici del paesaggio creati ex novo sui seminativi di cui all’art. 2, comma 6 lettera b)
  • rivisto l’elenco delle colture da rinnovo ai fini dell’Ecoschema 4, aggiunte a quelle dell’Allegato VIII del DM pagamenti diretti del 23 dicembre 2022.