Tratto dallo speciale:

PMI del Made in Italy: da SIMEST, Contributo Export su Credito Fornitore

di Redazione PMI.it

scritto il

Con SIMEST le imprese Made in Italy possono acquisire nuova forza competitiva sui mercati internazionali: risorse e strumenti agevolativi ad hoc.

Per le aziende italiane che esportano all’estero, PMI comprese, riuscire a migliorare la forza competitiva può fare realmente la differenza e potenziare le chance di espandere il business oltre confine. Sostenere la crescita delle imprese Made in Italy è da sempre l’obiettivo di SIMEST – parte del Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP insieme alla controllante SACE -, che si propone di perseguire questo obiettivo con il nuovo intervento agevolativo “Contributo Export su credito fornitore”.

Contributo Export su credito fornitore

Rivolgendosi agli esportatori nazionali di beni di investimento e di servizi, chiamati a confrontarsi quotidianamente con l’agguerrita concorrenza internazionale, SIMEST ha creato uno strumento in grado di sostenere la liquidità delle aziende italiane che concedono ai propri clienti esteri dilazioni di pagamento a medio-lungo termine, minimizzando il costo dello sconto offerto dagli istituti di credito.

Entrando più nel dettaglio dello strumento “Contributo Export su credito fornitore”, SIMEST fornisce un contributo in conto interessi sullo sconto di titoli di credito (o di crediti emessi dall’acquirente estero) a fronte della dilazione di pagamento, fino ad un massimo dell’85% della fornitura. In questo modo, SIMEST consente alle imprese di acquisire nuova forza competitiva sui mercati internazionali, con un particolare focus sulle PMI a cui saranno riconosciuti contributi più alti.

Vantaggi per le imprese

Il “Contributo Export” promosso da SIMEST, sia nella modalità “Credito Fornitore” sia nella tradizionale forma “Credito Acquirente” (che permette di stabilizzare il tasso d’interesse del finanziamento portandolo a un tasso fisso agevolato), è una misura agevolativa completamente gratuita, pensata per supportare gli esportatori italiani soprattutto nella fase di aggiudicazione delle commesse, in modo tale da velocizzare e facilitare la finalizzazione dei contratti commerciali. È uno strumento che rafforza la competitività internazionale dei finanziamenti export di beni di investimento e/o servizi tramite l’offerta di tassi minimi agevolati.

Simulatore virtuale

La procedura di attivazione dello strumento si basa su pochi e semplici step: SIMEST ha infatti razionalizzato l’iter rimodulando e semplificando il kit documentale richiesto alle aziende nella fase di domanda. Collegandosi al sito sacesimest.it e accedendo alla sezione relativa al “Contributo Export”, inoltre, l’impresa può utilizzare gratuitamente un simulatore virtuale ad hoc per ottenere una stima preliminare immediata del contributo, con l’indicazione del tasso di dilazione più competitivo da offrire ai clienti.

Soluzioni per l’Export delle PMI

Il “Contributo Export” rappresenta solo uno dei numerosi strumenti che SIMEST mette a disposizione delle imprese italiane interessate ad approcciare nuovi mercati. I prodotti disponibili spaziano, infatti, dai finanziamenti a tasso agevolato mirati a sostenere le principali fasi del processo di internazionalizzazione, alla partecipazione all’equity della società italiana o estera necessario per lo sviluppo di un progetto di espansione internazionale.

Maggiori informazioni sugli strumenti e agevolazioni SIMEST sono reperibili sul portale ufficiale. 

I Video di PMI

Nuove imprese a tasso zero: finanziamenti per donne e giovani