Cuneo Fiscale

Staffetta generazionale per creare lavoro

confcooperative Staffetta generazionale a carico delle imprese e minor costo del lavoro: sono le linee generali del patto per l'occupazione lanciato da Confcooperative nel corso dell'assemblea nazionale, (Roma, 4-5 maggio), con proposte su pensioni e lavoro.  Il punto di partenza è contrastare la disoccupazione giovanile, come spiegato dl presidente Maurizio Gardini: «da imprenditore utilizzerei la flessibilità in uscita per promuovere la staffetta generazionale». In che modo? Con una costo a carico dell'azienda per dieci anni pari alla differenza fra pensione piena e ridotta per chi è a un...

Legge di Stabilità e assunzioni: calcolo risparmi con indeterminato

legge di stabilità contratti Il contratto a tempo indeterminato, con il taglio dei contributi per tre anni previsto dalla Legge di Stabilità 2015, diventa meno costoso per il datore di lavoro e più conveniente rispetto al contratto a termine e alle collaborazioni: per un dipendente che guadagna 25mila euro lordi all'anno, il risparmio per l'azienda sarà intorno ai 7.500 euro mentre per una retribuzione di 35mila euro l'impresa spenderà 10.600 euro in meno; la norma è vantaggiosa anche per il lavoratore, il cui netto aumenta di 1.600 euro l'anno (stime CAF CISL per Ansa). => Legge di Stabilità 2015: le...

Legge di Stabilità 2015, taglio del cuneo fiscale alle imprese

Tagli Apertura del Governo al taglio del costo del lavoro per le PMI italiane, confermata dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a margine dei lavori del G20 finanziario di Cairns, secondo cui con la Legge di Stabilità 2015 verrà ridotto il cuneo fiscale per le imprese:  «Stiamo seriamente considerando la possibilità di approfondire il taglio del cuneo fiscale e stiamo pensando di farlo dal lato delle imprese» Non ci sono dettagli su come si intende intervenire con il taglio del costo del lavoro per le imprese ma si sa che le risorse per finanziare la misura di taglio del...

Bonus busta paga: i lavoratori a rischio aumento

Fisco L’aumento in busta paga di 80 euro mensili per i redditi da 8mila a 26mila lordi rischia di penalizzare altre categorie di lavoratori non inclusi nel bonus IRPEF studiato dal governo Renzi per ridurre il cuneo fiscale sui redditi dei lavoratori dipendenti e assimilati. Particolarmente a rischio anche categorie “deboli” come le mamme, i part-time, gli apprendisti e anche i cassaintegrati. => Scarica il Decreto IRPEF 66/2014 Capienza fiscale e contributiva A tenerli fuori dal bonus IRPEF di 80 euro, pur avendone diritto, sarebbe la cosiddetta "capienza fiscale e contributiva”...

Taglio IRPEF: il decreto sull’aumento in busta paga

Busta paga Sempre più vicino l'atteso l'aumento in busta paga per i lavoratori dipendenti: il governo approva il 18 aprile il decreto con la misura, malgrado le polemiche legate alla corsa contro il tempo del DEF (Documento di Economia e Finanza), che metterebbe a rischio il provvedimento. Vediamo come si configura, secondo gli elementi ufficiali e le indiscrezioni dell'ultima ora. A disposizione ci sono 10 miliardi per una platea di circa 14 milioni di Italiani che guadagnano fino a 25mila euro l'anno. A ricevere l'aumento più consistente sarà chi è nella fascia di reddito lordo annuo (RAL) di...

DEF, UE e aumento in busta paga: i giorni decisivi

Ministro Padoan Meno due: venerdì 18 aprile il Consiglio dei Ministri deve approvare il decreto sull'aumento in busta paga per i dipendenti. E mentre l'Esecutivo lavora sull'iter parlamentare del DEF per finanziare il taglio del cuneo e sulla Spending Review, a margine delle comunicazioni alla UE sorge un problema: le cifre del Documento di Economia e Finanza 2014, infatti, rispettano i vincoli comunitari (Decifit/PIL al 2,6%) ma rinviano il pareggio strutturale di bilancio al 2016. E questo richiede una specifica procedura: il ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, ha già inviato a Bruxelles lettera...

Calcoli ISTAT sul DEF: sconti IRAP e IRPEF per fasce di reddito

Commissione Bilancio Pronti i calcoli sul taglio al cuneo fiscale effettuati dall'ISTAT e presentati dal presidente Antonio Golini in audizione sul DEF alla Camera: i risparmi fiscali per i dipendenti (11,3 miliardi) produrranno uno sconto IRPEF fino a 714 euro all'anno per le famiglie a basso reddito, mentre lo sgravio IRAP riguarderà 620mila imprese (2/3 del totale).  Il Documento di Economia e Finanza ha dunque iniziato il suo iter parlamentare con le audizioni in commissione Bilancio di Camera e Senato di sindacati, imprese, banche, ISTAT, Cnel, Bankitalia e Corte dei Conti. => I numeri del DEF...

Aumento in busta paga, calcoli per fasce di reddito

Retribuzioni Pronti i calcoli sugli effetti del taglio del cuneo fiscale da 10 miliardi a favore dei lavoratori dipendenti. Cosa cambia per le tasche di contribuenti e lavoratori? A ricevere in buste paga l'aumento più consistente saranno i dipendenti privati che guadagnano da 22 a 25mila euro: a fine  2014 si ritroveranno di più in busta paga oltre 600 euro di minori tasse, superando i 700 euro dal 2015.  Ci sono invece lavoratori per cui l'aumento sarà azzerato dai mancati rinnovi contrattuali: secondo il DEF, i contratti dei dipendenti pubblici resteranno fermi fino al 2020. Infine, si ipotizzano...

DEF: conti 2014, tagli fiscali e Spending Review

Ore dense di lavoro per la messa a punto del DEF (Documento di programmazione Economica e Finanziaria): approvazione nel Consiglio dei Ministri delle ore 18:00 di martedì 8 aprile del Documento (a norma dell’articolo 10 della legge 31 dicembre 2009, n. 196), presentazione da parte dell'Esecutivo dei dati di dettaglio intorno alle 19:30. Novità Il DEF 2014 produce effetti immediati in quanto delinea anche provvedimenti fiscali e il Piano Nazionale delle Riforme (PNR), a partire dalle misure per il taglio del cuneo fiscale e portare da maggio un aumento fino a 80 euro al mese per i...

Aumento in busta paga iniquo: pensioni e Partite IVA esclusi

Busta paga Tra le prime misure del governo Renzi spicca c'è l'aumento in busta paga di circa 80 euro per i lavoratori dipendenti, ritenuto tuttavia discriminatorio nei confronti delle altre fasce di contribuenti: da un lato i pensionati, che nel cedolino pensione non godranno di alcun taglio del cuneo fiscale, e dall'altro le Partite IVA e più in generale i lavoratori autonomi. Il premier Matteo Renzi non ha chiarito come intende distribuire i 7,5 miliardi di euro sul tavolo, ovvero su quale componente del cuneo andrà a incidere l’aumento, che però di certo toccherà solo gli stipendi dei...

X
Se vuoi aggiornamenti su Cuneo fiscale

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy